Un aiuto naturale contro il raffreddore da fieno

Arginare l'allergia ai pollini con la medicina dei micronutrienti

Il raffreddore da fieno è una reazione allergica delle vie respiratorie, causata da determinati pollini che sono presenti nell'aria e che, negli allergici, causano rapidamente sintomi quali starnuti frequenti, naso chiuso o che cola e prurito agli occhi. Esistono determinate vitamine, minerali e altre sostanze che possono alleviare questi sintomi e addirittura agire sul sistema immunitario iper-reattivo, che è la causa di tali allergie. Leggete qui come la medicina dei micronutrienti può integrare il trattamento delle allergie.

Una donna starnutisce in un fazzoletto
I sintomi del raffreddore da fieno, quali starnuti frequenti, naso chiuso o che cola e prurito agli occhi, si manifestano molto rapidamente nelle persone allergiche. Immagine: AntonioGuillem/iStock/Getty Images Plus

Cause e sintomi

Il raffreddore da fieno infiamma e irrita la mucosa a causa di una allergia ed è principalmente provocato dai pollini vegetali, ad esempio da quelli di betulla, nocciolo, ambrosia o graminacee. Ecco perché questo tipo di allergia si manifesta nel periodo di fioritura di queste piante.

Informazioni

Quando l'allergia è invece causata da altri allergeni volatili, come spore fungine, peli di animali o acari della polvere, si parla di raffreddore allergico o rinite allergica. In questo caso l'insorgenza dei sintomi non è legata alle stagioni.

Mela, sedano e arachidi
Alcuni alimenti contengono sostanze simili al polline, che il sistema immunitario scambia per allergeni, causando un'allergia incrociata. Immagine: Dmytro/iStock/Getty Images Plus

La causa è una disfunzione del sistema immunitario di fronte a sostanze innocue che, nonostante il loro carattere "buono", attivano una reazione difensiva. Il corpo produce quindi determinate sostanze difensive, chiamate immunoglobuline E (IgE) o anche anticorpi IgE, sempre attivi e presenti nell'organismo e in grado di rilevare la presenza anche dei più piccoli allergeni. In caso di contatto, l'organismo libera immediatamente enormi quantità di altre sostanze difensive, come l'istamina, che a loro volta causano i tipici sintomi del raffreddore da fieno, quali attacchi di starnuti, naso che cola, occhi che piangono e prurito. Anche stanchezza e disturbi del sonno rientrano tra i sintomi frequenti.

Il raffreddore da fieno interessa soprattutto le vie respiratorie superiori (naso, bocca e faringe), sebbene la reazione allergica possa colpire anche i bronchi. Tosse e insufficienza respiratoria sono sintomi da non sottovalutare perché spesso un raffreddore da fieno molto forte può trasformarsi in asma allergica. Questa reazione eccessiva del sistema immunitario colpisce anche la pelle, perché gli allergeni possono provocare dermatite atopica accompagnata da eruzioni cutanee.

Le allergie da polline sono anche fattori di rischio per lo sviluppo di un'allergia alimentare, perché alcuni alimenti contengono sostanze simili al polline che il sistema immunitario scambia per allergeni, causando una allergia incrociata. Chi soffre di allergia al polline di betulla può in seguito sviluppare anche un'allergia a mele e sedano, mentre gli allergici ai pollini delle graminacee sono spesso intolleranti a cereali, arachidi e soia.

Classificazione

Obiettivi del trattamento

Come viene curato in modo classico il raffreddore da fieno?

In caso di raffreddore da fieno è necessario tenere sotto controllo il sistema immunitario iperattivo, ricorrendo spesso a combinazioni di farmaci. I principi attivi prescritti sono disponibili sotto forma di compresse, gocce nasali e oculari e spray nasali e per via inalatoria.

Farmaci per il raffreddore da fieno:

  • Gli antistaminici (ad esempio a base di cetirizina come Zirtec®, fexofenadina come Telfast®, loratadina come Clarityn®) bloccano i recettori dell'istamina, la sostanza rilasciata dalle cellule del sistema immunitario quando l'organismo entra in contatto con l'allergene a cui si è ipersensibili. Anche altri principi attivi frenano la secrezione di istamina, come ad esempio il nedocromile (come il Kovilen®) e l'acido cromoglicico (come Nalcromd®).
  • I glucocorticoidi sotto forma di spray nasali a base di cortisone bloccano le reazioni infiammatorie e alleviano disturbi quali raffreddore o mucosa nasale gonfia, ma il loro effetto sui sintomi che interessano gli occhi è solo minimo. Alcuni principi attivi dei glucocorticoidi sono: budesonide (come Aircort®), flunisolide (come Syntaris®), fluticasone propionato (come Flixonase®), e mometasone furoato (come Nasonex®).
  • I decongestionanti sono particolarmente efficaci in caso di naso chiuso (ad esempio l'ossimetazolina come Equimet® e la xilometazolina come Actifed Decongestionante® o Rinazina doppia azione®). Questi restringono i vasi nella mucosa nasale e la decongestionano, ma dovrebbero essere usati solo per brevi periodi di tempo per evitare l'assuefazione.

Evitare gli allergeni: Per alleviare i disturbi, dovreste evitare il più possibile di entrare in contatto con gli allergeni, ad esempio seguendo un calendario che indica i periodi di maggior concentrazione dei pollini e anche le previsioni sui periodi nei quali si raggiungono i picchi di allergeni. Durante la stagione dei pollini si dovrebbero tenere chiuse le finestre di notte ed evitare di portare in camera da letto i vestiti indossati durante la giornata.

La cura: Ora è possibile liberarsi per sempre del raffreddore da fieno grazie a una desensibilizzazione, o iposensibilizzazione, ossia un processo che aiuta il corpo ad aumentare le difese contro gli allergeni. Uno dei trattamenti specifici consigliati è l'immunoterapia sottocutanea (SCIT). Questa modalità di somministrazione consiste nell'iniezione sottocutanea di dosi ridotte di allergene nella parte superiore del braccio. Si tratta di un trattamento che va ripetuto e che alcuni studi hanno dimostrato essere molto efficace. La seconda modalità possibile è l'immunoterapia sublinguale (SLIT), dove l'allergene viene posizionato sotto la lingua e assorbito dalla mucosa boccale. L'efficacia della SLIT, tuttavia, non è ancora stata testata in modo sufficiente.

Informazioni

 Questa terapia è adottabile solo se si conosce l'allergene responsabile e per questo si consiglia di sottoporsi a un test allergologico. Ne esistono molti, tra cui il prick test, effettuato pungendo la cute con un'apposita lancetta, e il test di provocazione nasale che analizza la reazione della mucosa nasale facendo inalare al paziente sospensioni in polvere delle sostanze da testare.

Test allergologici
È possibile sottoporsi a diversi test allergologici come il prick test, che si effettua pungendo la cute con un'apposita lancetta, e il test di provocazione nasale che analizza la reazione della mucosa nasale facendo inalare al paziente sospensioni in polvere delle sostanze da testare. Immagine: Neeila/iStock/Getty Images Plus

Prevenzione: Si possono adottare numerose misure per ridurre il rischio di allergie, ma è di fondamentale importanza seguire una corretta alimentazione dalla nascita. Gli esperti consigliano di fare il possibile per allattare i bambini al seno durante i primi quattro mesi dalla nascita. Per questo le donne incinte e che allattano devono seguire un'alimentazione equilibrata. I bambini devono anche crescere in un ambiente dove non si fuma e dove il clima è tale da ostacolare lo sviluppo delle muffe.

Gli obiettivi della medicina dei micronutrienti

La medicina dei micronutrienti adotta vitamine, minerali e altre sostanze che riducono la secrezione dell'istamina o antistaminici naturali che la eliminano completamente. Le sostanze antinfiammatorie migliorano i disturbi. Determinate vitamine contribuiscono anche a riequilibrare il sistema immunitario e proteggono le cellule dalle conseguenze di un'infiammazione.

  • I probiotici favoriscono i meccanismi di controllo del sistema immunitario.
  • L'olio di cumino nero allevia le infiammazioni, soprattutto delle vie respiratorie.
  • Gli acidi grassi omega 3 agiscono attivamente contro le infiammazioni, eliminandole.
  • La quercetina agisce come un antistaminico naturale.
  • La vitamina E e la vitamina C nonché gli antiossidanti riducono lo stress ossidativo, le infiammazioni e i danni conseguenti.

Spesso per curare i disturbi da raffreddore da fieno si prescrivono farmaci che contengono glucocorticoidi (cortisone), L'assunzione di cortisone aumenta il fabbisogno di vitamina C, D e K e il rischio di carenza che ne deriva può essere eliminato anche dalla medicina dei micronutrienti.

Classificazione

Il trattamento con i micronutrienti

I probiotici tengono in scacco il sistema immunitario

Efficacia dei probiotici in caso di raffreddore da fieno

I probiotici sono batteri vivi che svolgono numerose funzioni all’interno dell’organismo, ad esempio regolano il sistema immunitario attraverso la formazione delle cosiddette cellule T regolatorie. Si tratta di cellule che bloccano l'attivazione del sistema immunitario in modo che il corpo non si difenda in modo eccessivo da ogni sostanza esterna innocua.

Numerosi studi scientifici confermano che i probiotici influenzano in modo positivo il sistema immunitario, alleviano i sintomi del raffreddore da fieno e consentono agli allergici di assumere farmaci solo raramente. Gli studi hanno dimostrato l'efficacia in particolare dei seguenti ceppi batterici:

Una panoramica degli studi scientifici a disposizione ha dimostrato come il lactobacillus paracasei abbia avuto un effetto positivo sulla risposta immunitaria nel trattamento del raffreddore da fieno e sia stato di gran lunga più efficace rispetto al placebo. Sintomi quali naso chiuso, naso che cola e prurito si manifestavano in forma molto più lieve.

Uno studio scientifico su un numero ridotto di soggetti ha dimostrato che una miscela con diversi tipi di bifidobatteri migliorava i sintomi e la qualità della vita dei bambini che soffrivano di raffreddore da fieno e attacchi d'asma.

Tuttavia, non tutti i singoli studi hanno fornito risultati positivi e in futuro sarà necessario verificare con maggiore precisione quali tipi di batteri e in quali dosi sono i più efficaci. Considerando che i probiotici non hanno praticamente effetti collaterali, vale la pena studiarli in modo approfondito. È stato dimostrato che la soluzione migliore è concentrarsi non su un singolo ceppo, bensì su una miscela di diversi tipi di batteri, principalmente lattobacilli e bifidobatteri.

Dosaggio e consigli sull'assunzione dei probiotici in caso di raffreddore da fieno

Esistono probiotici sotto forma di polvere, compresse o capsule. In caso di raffreddore da fieno si consiglia di assumere una miscela di probiotici che contiene un massimo di 20 miliardi di batteri. I probiotici sono indicati nelle cosiddette unità formanti colonie (CFU).

Una volta che i batteri muoiono, il corpo li elimina lentamente e il loro effetto scompare, quindi è importante assumerli per almeno otto settimane, preferibilmente ai pasti o con abbondante acqua, perché entrambi garantiscono che i probiotici arrivino vivi nell'intestino nonostante la presenza degli acidi gastrici.

Per ulteriori consigli sull'assunzione, consultare l'articolo sui probiotici.

Cosa ricordare in caso di sistema immunitario indebolito e se si assumono antibiotici

Le miscele di probiotici possono essere pericolose per le persone con un sistema immunitario molto indebolito, ad esempio persone gravemente malate, appena operate e molto anziane, nonché persone il cui sistema immunitario è indebolito a causa della chemioterapia. In questi casi si possono assumere probiotici solo previo consenso del proprio medico curante. Anche le persone con catetere venoso centrale e che soffrono di valvulopatie cardiache devono assumere i probiotici con prudenza.

Chi sta seguendo una terapia antibiotica dovrebbe assumere i probiotici due-tre ore prima o dopo l'assunzione di antibiotici per evitare che i preparati si danneggino a vicenda.

L'olio di cumino nero allevia i disturbi causati dalle allergie

Efficacia dei probiotici in caso di raffreddore da fieno

L'olio di cumino nero contro il raffreddore da fieno
L'olio di cumino nero agisce come un antistaminico contro il raffreddore da fieno e l'asma allergica e riduce il livello dei trasmettitori che causano infiammazioni. Immagine: piotr_malczyk/iStock/Getty Images Plus

L'olio estratto dai semi di cumino nero (nigella sativa) si utilizza per alleviare una grande varietà di disturbi infiammatori, soprattutto delle vie respiratorie. L'olio di cumino nero agisce come un antistaminico contro il raffreddore da fieno e l'asma allergica e riduce il livello dei trasmettitori che causano infiammazioni.

In uno studio preliminare è stato dimostrato come da 40 a 80 milligrammi di olio di cumino nero per chilogrammo di peso corporeo possano alleviare i sintomi del raffreddore da fieno, tra cui naso arrossato, chiuso o che cola e starnuti frequenti. In uno studio scientifico condotto su soggetti asmatici è stato inoltre provato che i soggetti che assumevano due volte al giorno per quattro settimane 500 milligrammi di olio di cumino nero riportassero miglioramenti nei sintomi dell'asma, nel volume polmonare e nei segni di un'infiammazione rispetto ai soggetti a cui era stato somministrato un placebo.

Dosaggio e consigli sull'assunzione dell'olio di cumino nero in caso di raffreddore da fieno

In caso di raffreddore da fieno si consiglia di assumere ogni giorno, per quattro settimane, da 1.500 a 3.000 milligrammi circa di olio di cumino nero. La dose varia in base al peso corporeo e si misura in 40-80 milligrammi per chilogrammo di peso.

Si consiglia di assumerlo ai pasti, perché risulta più tollerabile per lo stomaco.

Olio di cumino nero: prestare attenzione in gravidanza, allattamento e in caso di assunzione di farmaci

Un esperimento condotto sugli animali ha dimostrato che l'olio di cumino nero influenza lo sviluppo del feto, quindi non dovrebbe essere assunto durante la gravidanza e l'allattamento.

Inoltre, blocca il metabolismo di alcuni principi attivi assunti contemporaneamente, compresi quelli che potrebbero essere contenuti nei farmaci, il cui metabolismo nell'organismo prevede determinati processi specifici. Si consiglia quindi di consultare il medico o il farmacista per accertarsi che i farmaci assunti non contengano principi attivi sensibili all'effetto bloccante dell'olio di cumino nero.

Per sicurezza, i diabetici dovrebbero tenere sotto stretto controllo il loro indice glicemico perché è stato dimostrato in un test sugli animali che l'olio di cumino nero riduce il livello della glicemia nel sangue.

Gli acidi grassi omega 3 eliminano le infiammazioni

Efficacia degli acidi grassi omega 3 in caso di raffreddore da fieno

Una donna assume omega 3
L'acido docosaesaeonico (DHA) e l'acido eicosapantaenoico (EPA), estratto dall'olio di pesce, due acidi grassi omega 3, hanno un effetto antinfiammatorio nell'organismo: regolano la secrezione dei trasmettitori cellulari che attirano le cellule immunitarie verso il focolaio dell'infezione. Immagine: puhhha/iStock/Getty Images Plus

L'acido docosaesaeonico (DHA) e l'acido eicosapantaenoico (EPA), estratto dall'olio di pesce, due acidi grassi omega 3, agiscono in modo antinfiammatorio nell'organismo: regolano la secrezione dei trasmettitori cellulari che attirano le cellule immunitarie verso il focolaio dell'infezione. Esistono evidenze che gli acidi grassi omega 3 possono eliminare in modo attivo un'infiammazione in corso, quindi sono utili anche per chi soffre di allergie come il raffreddore da fieno.

Informazioni

Si sta discutendo anche se gli acidi grassi omega 3 siano in grado di prevenire le allergie. Su questo argomento esistono alcuni studi scientifici che dimostrano come un apporto sufficiente di acidi grassi omega 3 pari a 3.000 milligrammi al giorno durante la gravidanza possa ridurre il rischio che i bambini sviluppino in futuro un'allergia.

Dosaggio e consigli sull'assunzione degli acidi grassi omega 3 in caso di raffreddore da fieno

In caso di raffreddore da fieno si consiglia di assumere ogni giorno da 700 a 3.000 milligrammi di acidi grassi omega 3, ad esempio contenuti nell'olio di pesce. Il momento migliore per assumere i preparati a base di questi acidi grassi è ai pasti, perché è il momento in cui sono meglio assorbiti dall'intestino.

Quando acquistate preparati a base di olio di pesce fate particolare attenzione a scegliere solo preparati con oli purificati, privi di metalli pesanti e sostanze nocive.

Come determinare il livello di omega 3 in laboratorio

L'omega-3 Index consente di determinare se la quantità di acidi grassi omega 3 presente nell'organismo è sufficiente. Durante l'esame del sangue il medico ne misura il livello presente nei globuli rossi. Nelle condizioni ottimali l'Index dovrebbe raggiungere almeno l'otto percento, ovvero su 100 acidi grassi presenti nel sangue, otto sono acidi grassi omega 3.

Acidi grassi omega 3: fare attenzione in caso di assunzione di anticoagulanti, coagulopatie e patologie

Dosi molto elevate di acidi grassi omega 3 (da 1.000 milligrammi al giorno) possono aumentare la propensione al sanguinamento se assunte insieme a farmaci anticoagulanti (come Falithrom® o Marcumar®). Si consiglia quindi di controllare attentamente i valori di coagulazione ed eventualmente chiedere al medico se è necessario regolare la dose degli anticoagulanti.

Chi soffre di coagulopatie non dovrebbe assumere preparati a base di acidi grassi omega 3. Lo stesso vale per soggetti che soffrono di epatopatie o nefropatie (acute) improvvise, di pancreatite o di colecistite.

La quercetina agisce contro il prurito oculare e il naso chiuso

Efficacia della quercetina in caso di raffreddore da fieno

La quercetina è un flavonoide che ha numerosi effetti positivi sull'organismo. È in grado di alleviare anche i sintomi del raffreddore da fieno perché sopprime la secrezione dei trasmettitori cellulari, come ad esempio l'istamina, che attivano le difese immunitarie. La quercetina agisce come un antistaminico vegetale. Test sugli animali hanno dimostrato l'efficacia della quercetina, anche se finora esistono solo pochi studi condotti sull'uomo. Esiste un altro flavonoide che ha un effetto simile contro le allergie. Si tratta dell'isoquercetina, trasformata dalla flora batterica del corpo in quercetina.

Uno studio condotto su un gruppo ristretto di soggetti ha dimostrato come l'assunzione giornaliera di 100 milligrammi di isoquercetina per otto settimane alleviasse i problemi agli occhi causati dall'allergia al polline, mentre i soggetti che assumevano un placebo non presentavano alcun miglioramento dei sintomi.

Un altro studio condotto su un numero maggiore di soggetti ha mostrato che un preparato combinato che conteneva, tra gli altri, anche quercetina e vitamina D3, migliorava sensibilmente i disturbi legati al raffreddore da fieno come naso chiuso o che cola, starnuti frequenti e prurito agli occhi.

Lavagna con la formula chimica della quercetina
La quercetina è un flavonoide che ha numerosi effetti positivi sul corpo. È in grado di alleviare anche i sintomi del raffreddore da fieno perché sopprime la secrezione dei trasmettitori cellulari, come ad esempio l'istamina, che attivano le difese immunitarie. Immagine: Zerbor/iStock/Getty Images Plus

Dosaggio e consigli sull'assunzione della quercetina in caso di raffreddore da fieno

Per alleviare i sintomi del raffreddore da fieno si consiglia di assumere ogni giorno da 100 a 500 milligrammi di quercetina per dodici settimane, preferibilmente ai pasti così da migliorarne la tollerabilità per lo stomaco. In questo modo viene anche assorbita meglio dall'intestino, come dimostrano alcuni studi secondo i quali i grassi aiutano il trasporto della quercetina nel sangue.

Consiglio

Quercetina e vitamina C: una combinazione efficace. È stato dimostrato che un preparato combinato che contiene 500 milligrammi di quercetina e 250 milligrammi di vitamina C è efficace per alleviare le infiammazioni e ridurre lo stress ossidativo.

Quercetina: prestare attenzione in gravidanza, allattamento e in caso di nefropatie e assunzione di farmaci

Esistono evidenze che l'assunzione di quercetina potrebbe indebolire ulteriormente i reni già danneggiati, quindi le persone che soffrono di nefropatie dovrebbero evitare i preparati che ne contengono dosi elevate.

Non esistono studi che dimostrano l'effetto di dosi elevate di quercetina su bambini e donne incinte e che allattano, quindi, per sicurezza, sarebbe meglio che questi soggetti evitassero di assumere preparati che la contengono.

La quercetina blocca l'eliminazione di numerosi farmaci, come i principi attivi di farmaci che abbassano la glicemia (statine come Zocor®, Simvastatina Hexal®), antidepressivi (antidepressivi triciclici come Saroten®, Triptizol®) o antipsicotici (neurolettici come Haldol®, Serenase®). Chiedere consiglio al proprio medico o farmacista se si desidera assumere la quercetina insieme ad altri principi attivi.

La vitamina E e la vitamina C limitano la secrezione di istamina

Efficacia delle vitamine E e C in caso di raffreddore da fieno

Le vitamine E e C agiscono da antiossidanti e proteggono le cellule dai radicali liberi e quindi dallo stress ossidativo che viene rilasciato ad ogni manifestazione infiammatoria e che danneggia cellule e tessuti. Si presume che la vitamina E e la vitamina C siano efficaci anche per chi soffre di allergie e di asma perché bloccano la secrezione dell'istamina da parte delle cellule immunitarie.

La vitamina E allevia i disturbi dovuti al raffreddore da fieno. Secondo uno studio scientifico, i soggetti che assumevano un preparato a base di vitamina E, oltre ai farmaci contro l'allergia, riportavano un miglioramento dei sintomi allergici che colpivano il naso rispetto a quelli che avevano ricevuto un placebo. Tuttavia non tutti gli studi sono giunti a risultati di successo, quindi sono necessari ulteriori test ed esami per determinare con precisione l'effetto di questa vitamina.

La vitamina C integra e rigenera la vitamina E dopo che quest'ultima ha attaccato i radicali liberi. La vitamina E esercita infatti un'azione specifica nella protezione delle membrane cellulari lipidiche, mentre la vitamina C tutela tutte le componenti acquose della cellula. Sono stati condotti alcuni studi su pazienti allergici che hanno dimostrato come la vitamina C indebolisca l'effetto dell'istamina sui bronchi e ne riduca i valori nel sangue. 

Dose e assunzione consigliata delle vitamine E e C in caso di raffreddore da fieno

Ai soggetti che soffrono di raffreddore da fieno si consiglia di sottoporsi a una terapia a base di vitamina E a dosi massime pari a 300 milligrammi, da assumersi ai pasti, così da migliorarne l'assorbimento nell'intestino.

Non è necessario consultare un medico se la dose giornaliera di vitamina E sotto forma di alfa tocoferolo non supera i 50 milligrammi, mentre è necessario sentire il parere di un medico specializzato in micronutrienti se la terapia a base di vitamina E prevede dosi più elevate.

In caso di raffreddore da fieno si possono assumere da 1.000 a 5.0000 milligrammi di vitamina C al giorno sotto forma di capsule, meglio se distribuite durante la giornata, ad esempio in due somministrazioni da 500 milligrammi ciascuna.

Vitamine: cosa ricordare se si fuma, si assumono farmaci o si soffre di insufficienza renale

I fumatori che assumono dosi superiori a 50 milligrammi al giorno di vitamina E sotto forma di alfa tocoferolo isolato corrono il rischio di ammalarsi di cancro al polmone o di essere colpiti da emorragia cerebrale, e dovrebbero quindi evitare di assumerne dosi elevate.

Si sconsiglia di assumere anticoagulanti (come Acesal® o Aspirina®) o antagonisti della vitamina K (fenprocumone) in concomitanza con dosi elevate di vitamina E, perché quest'ultima può rallentare il tempo di coagulazione e potenziare sensibilmente l'efficacia dei farmaci. Si consiglia quindi di consultare il proprio medico se si vuole seguire una terapia a base di vitamina E. Per maggiori informazioni leggere i testi dedicati alla vitamina E.

Parte della vitamina C assunta viene metabolizzata dal corpo in acido ossalico che, combinata con il calcio, porta alla formazione di depositi di ossalato, un fattore di rischio per la formazione di calcoli renali. Le persone che tendono già a soffrire di calcoli renali formati da calcio dovrebbero evitare di assumere dosi di vitamina C superiori a 1.000 milligrammi.

Chi soffre invece di insufficienza renale dovrebbe ridurre la dose addirittura a meno di 500 milligrammi al giorno, perché i reni indeboliti non sono in grado di eliminare grandi quantità di vitamina C e di conseguenza il rischio di sviluppare calcoli e depositi di ossalato aumenta.

Gli antiossidanti vegetali riducono lo stress ossidativo

Efficacia degli antiossidanti in caso di raffreddore da fieno

Nei pazienti allergici il clima all'interno delle vie respiratorie favorisce la proliferazione dei radicali liberi, legami di ossigeno dannosi per le cellule, che causano la formazione dello stress ossidativo. Gli antiossidanti sono sostanze che si legano ai radicali liberi, neutralizzandoli. Tra questi ci sono ad esempio le vitamine (vitamina C ed E) e i minerali (rame e selenio) e tanti altri flavonoidi come il beta-carotene (precursore della vitamina A), il resveratrolo e la curcumina.

Studi osservazionali dimostrano che un'alimentazione ricca di antiossidanti riduce il rischio di contrarre allergie come il raffreddore da fieno. Inoltre, i primi studi clinici condotti su pazienti allergici dimostrano che gli antiossidanti potrebbero essere d'aiuto anche per chi già soffre di raffreddore da fieno:

  • Il resveratrolo è una sostanza vegetale presente principalmente nella buccia dell'uva. Secondo un primo studio, i pazienti che utilizzavano tre volte al giorno, per un mese, uno spray nasale contenente resveratrolo riportavano un senso di sollievo dai sintomi da raffreddore da fieno rispetto ai pazienti a cui era stato somministrato un placebo. In particolare trovavano sollievo a disturbi quali naso chiuso o che cola, prurito al naso e starnuti frequenti.
  • Secondo un primo studio scientifico su pazienti con raffreddore da fieno, l'assunzione di 500 milligrammi al giorno di curcumina, un colorante naturale estratto dalla curcuma, migliorava la circolazione dell'aria nel naso e quindi anche disturbi quali starnuti frequenti e naso chiuso.
  • In un altro studio i soggetti allergici ai pollini delle betulle che assumevano nei due mesi o nel mese precedente la stagione dei pollini un preparato contenente 100 milligrammi di estratto di corteggia di pino riportavano una lieve riduzione dei disturbi a occhi e naso durante la stagione dei pollini rispetto ai soggetti che avevano ricevuto un placebo.

I primi studi condotti in merito sono incoraggianti e invitano a studiare gruppi più numerosi di soggetti in modo da chiarire se tutte le persone che soffrono di raffreddore da fieno rispondono agli antiossidanti.

Dosaggio e consigli sull'assunzione di antiossidanti in caso di raffreddore da fieno

Per prevenire le allergie e alleviare il raffreddore da fieno si consiglia di seguire un'alimentazione sana a base di antiossidanti nella loro composizione naturale. Se si assumono invece preparati a base di micronutrienti, è importante scegliere quelli che includono un'ampia gamma di antiossidanti diversi, così da integrarne l'efficacia.

In caso di stress ossidativo dovuto a raffreddore da fieno, i medici specializzati in micronutrienti consigliano preparati combinati, dove le dosi delle singole sostanze sono ben calibrate tra loro, ad esempio da due a cinque milligrammi di carotenoidi, da 25 a 50 milligrammi di curcumina e dieci milligrammi di resveratrolo. Si consiglia inoltre di assumere 100 milligrammi al giorno di estratto di corteccia di pino.

Gli antiossidanti andrebbero assunti ai pasti per migliorarne la tollerabilità e l'assorbimento.

Come determinare in laboratorio il livello di antiossidanti

Per scoprire se l'organismo soffre di stress ossidativo, è possibile sottoporsi a una serie di test che misurano il livello di antiossidanti presenti nel sangue, oppure i danni causati dai legami di ossigeno. Poiché si tratta di test diversi, eseguiti con metodi differenti, i valori che si ottengono dipendono molto dal laboratorio in cui sono effettuati e dalla metodologia scelta.

Antiossidanti: cosa ricordare in caso di malattie e in gravidanza e allattamento

Pillole su uno sfondo bianco
Non si hanno a disposizione esami a sufficienza per garantire che l'estratto di corteccia di pino, il resveratrolo e la curcumina siano sicuri in gravidanza e durante l'allattamento, quindi spetta al medico valutare in modo attento se consigliarne o meno l'assunzione. Immagine: Paulo Arsand/iStock/Getty Images Plus

Il resveratrolo riduce la coagulazione sanguigna, quindi è possibile che rafforzi l'effetto dei farmaci anticoagulanti. Pertanto, si consiglia di consultare il proprio medico che potrà, se necessario, adeguare la dose del farmaco. Tra i farmaci anticoagulanti ci sono ad esempio l'acido acetilsalicilico (Aspirina®), il clopidogrel (Plavix®, Iscover®), l'eparina (Calciparina®, Veracer®) e il warfarin (Coumadin®).

Anche l'estratto di corteccia di pino potrebbe bloccare leggermente la coagulazione, quindi si consiglia di discuterne l'eventuale assunzione con il proprio medico per assicurarsi di evitare interazioni pericolose.

Non si hanno a disposizione esami a sufficienza per garantire che l'estratto di corteccia di pino, il resveratrolo e la curcumina siano sicuri in gravidanza e durante l'allattamento, Spetta al medico valutare in modo attento se consigliarne o meno l'assunzione.

Dosaggi in breve

Dosi giornaliere di micronutrienti consigliate in caso di raffreddore da fieno

 

Vitamine

Vitamina C

da 1.000 a 5.000 milligrammi (mg)

Vitamina E

300 milligrammi

  
 

Altre sostanze

Probiotici (lattobacilli e bifidobatteri)

da 1 a 20 miliardi di unità formanti colonie (CFU)

Olio di cumino nero

da 1.500 a 3.000 milligrammi

Acidi grassi omega 3

da 700 a 3.000 milligrammi

Quercetina

da 100 a 500 milligrammi

Carotenoidi

da 2 a 5 milligrammi

Curcumina

da 25 a 50 milligrammi

Resveratrolo

10 milligrammi

Estratto di corteccia di pino

100 milligrammi

 

 

Sintesi degli esami di laboratorio consigliati

Esami di laboratorio consigliati in caso di raffreddore da fieno

 

Valori normali

Omega-3-Index

>8 Percentuale

 

 

Classificazione

I micronutrienti sono d'aiuto ai farmaci

I glucocorticoidi incrementano il fabbisogno di vitamine e minerali

Se assunti per lungo tempo, i farmaci che contengono glucocorticoidi (ad esempio il prednisone come Deltacortene® o Lodotra®) possono danneggiare l'equilibrio dei minerali nell'organismo. Si consiglia quindi di assumere sempre dosi sufficienti di calcio, magnesio, zinco e potassio,

nello specifico: 1.000 milligrammi di calcio, 300 milligrammi di magnesio e da dieci a 20 milligrammi di zinco al giorno. La quantità necessaria di potassio dipende dai valori individuali nel sangue e quindi dal giudizio del medico.

I glucocorticoidi aumentano anche il fabbisogno di vitamina C, D e K, che può essere soddisfatto assumendo ogni giorno da 200 a 500 milligrammi di vitamina C e 150 microgrammi di vitamina K2. La dose giornaliera di vitamina D invece è pari a circa 2.000 Unità internazionali, ma per conoscerne la quantità precisa occorre sottoporsi a un esame di laboratorio.

Dosaggi in breve

Micronutrienti consigliati al giorno in caso di assunzione di glucocorticoidi

 

Glucocorticoidi

Vitamina C

da 200 a 500 milligrammi (mg)

Vitamina D

2.000 Unità internazionali (UI)

Vitamina K

150 milligrammi

Calcio

1.000 milligrammi

Magnesio

300 milligrammi

Zinco

da 10 a 20 milligrammi

 

 

Classificazione

Riepilogo

Il raffreddore da fieno è una manifestazione allergica che causa un'infiammazione della mucosa nasale ed è dovuta ai pollini delle piante che l'organismo giudica come sostanze dannose, rispondendo quindi con una reazione difensiva. I sintomi del raffreddore da fieno sono naso che cola o naso chiuso, starnuti frequenti o prurito agli occhi.

L'allergia può essere eliminata attraverso un intervento di desensibilizzazione. La medicina classica consiglia l'uso di spray nasali contenenti glucocorticoidi o antistaminici che alleviano i disturbi.

La medicina dei micronutrienti adotta invece vitamine, minerali e altre sostanze: I probiotici evitano le reazioni eccessive del sistema immunitario, l'olio di cumino nero allevia i sintomi dell'allergia e gli acidi grassi omega 3 alleviano lo stato infiammatorio. La vitamina C, E e la quercetina riducono la secrezione di istamina. Gli antiossidanti vegetali (vitamina C ed E, carotene, quercetina, curcumina e rutina) combattono lo stress ossidativo e le infiammazioni dannose.

L'assunzione costante di glucocorticoidi può causare una carenza di micronutrienti, in particolare calcio, magnesio e zinco, nonché le vitamine D, K e C.

Classificazione

Indice degli studi e delle fonti

AbuKhader, M.M. et al. (2013): Acute effects of thymoquinone on the pregnant rat and embryo-fetal development. Drug Chem Toxicol. 2013 Jan; 36(1): 27–34. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22360537, consultato il 26.06.2018.

Andres, S. et al. (2018): Safety Aspects of the Use of Quercetin as a Dietary Supplement. Mol Nutr Food Res. 2018 Jan; 62(1). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29127724, consultato il 26.06.2018.

Ariano, R. (2015): Efficacy of a novel food supplement in the relief of the signs and symptoms of seasonal allergic rhinitis and in the reduction of the consumption of anti-allergic drugs.Acta Biomed. 2015 Apr 27; 86(1): 53–58. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25948028, consultato il 26.06.2018.

Askari, G. et al. (2012): The effect of quercetin supplementation on selected markers of inflammation and oxidative stress. J Res Med Sci. 2012 Jul; 17(7): 637–641. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3685779/, consultato il 26.06.2018.

Biesalski, H. K. (2016): Vitamine und Minerale. Georg Thieme Verlag, Stuttgart.

Boskabady, M.H. et al. (2007): The possible prophylactic effect of Nigella sativa seed extract in asthmatic patients. Fundam Clin Pharmacol. 21(5): 559–566. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17868210, consultato il 26.06.2018.

Boskabady, M.H. et al. (2010): Antiasthmatic effect of Nigella sativa in airways of asthmatic patients. Phytomedicine. 17(10): 707–713. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20149611, consultato il 26.06.2018.

Bundesinstitut für Risikobewertung (2015): Update der S3-Leitlinie Allergieprävention weicht von Stillempfehlung der Nationalen Stillkommission ab. Im Internet: http://www.bfr.bund.de/cm/343/update-der-s3-leitlinie-allergiepraevention-weicht-von-stillempfehlung-der-nationalen-stillkommission-ab.pdf, consultato il 26.06.2018.

Del Giudice, M.M. et al (2017): Bifidobacterium mixture (B longum BB536, B infantis M-63, B breve M-16V) treatment in children with seasonal allergic rhinitis and intermittent asthma. Ital J Pediatr. 2017; 43: 25. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5341466/, consultato il 26.06.2018.

Dennis-Wall, J.C. (2017): Probiotics (Lactobacillus gasseri KS-13, Bifidobacterium bifidum G9-1, and Bifidobacterium longum MM-2) improve rhinoconjunctivitis-specific quality of life in individuals with seasonal allergies: a double-blind, placebo-controlled, randomized trial. Am J Clin Nutr. 2017 Mar; 105(3): 758–767. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28228426, consultato il 26.06.2018.

Deutsche Gesellschaft für Allergologie und klinische Immunologie (2014): Leitlinie zu Akuttherapie und Management der Anaphylaxie. Allergo J Int 2014; 23: 96–112. https://www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/061-004l_S2k_SIT_2014-12.pdf, consultato il 26.06.2018.

Deutsche Gesellschaft für Allergologie und klinische Immunologie (2014): Leitlinie zur (allergen-)spezifischen Immuntherapie bei IgE-vermittelten allergischen Erkrankungen. Allergo J Int 2014; 23: 282–319. https://www.awmf.org/uploads/tx_szleitlinien/061-016l_S3_Allergiepr%c3%a4vention_2014-07.pdf, consultato il 26.06.2018.

Dunstan, J.A. et al. (2007): Supplementation with vitamins C, E, beta-carotene and selenium has no effect on anti-oxidant status and immune responses in allergic adults: a randomized controlled trial. Clin Exp Allergy. 2007 Feb; 37(2): 180–187. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17250690, consultato il 26.06.2018.

Elbarbry, F. et al. (2017): Studying the Inhibitory Effect of Quercetin and Thymoquinone on Human Cytochrome P450 Enzyme Activities. Pharmacogn Mag. 2017 Oct-Dec; 13 (Suppl 4): S895–S899. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5822518/, consultato il 26.06.2018.

Miles, E.A. & Calder, P.C. (2017): Can Early Omega-3 Fatty Acid Exposure Reduce Risk of Childhood Allergic Disease? Nutrients. 2017 Jul; 9(7): 784. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5537898/, consultato il 26.06.2018.

Gref, A. et al. (2017): Dietary total antioxidant capacity in early school age and subsequent allergic disease.Clin Exp Allergy. 2017 Jun; 47(6): 751–759. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28222232, consultato il 26.06.2018.

Gröber, U. (2011): Mikronährstoffe. Metabolic Tuning – Prävention – Therapie. 3. Aufl. Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft mbH Stuttgart.

Gröber, U. (2014): Arzneimittel und Mikronährstoffe – Medikationsorientierte Supplementierung. 3. Aufl. Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft mbH Stuttgart.

Güvenç, I.A. et al. (2016): Do probiotics have a role in the treatment of allergic rhinitis? A comprehensive systematic review and meta-analysis. Am J Rhinol Allergy. 2016 Sep 1; 30(5): 157–175. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27442711, consultato il 26.06.2018.

Hagel, A.F. et al. (2013): Intravenous infusion of ascorbic acid decreases serum histamine concentrations in patients with allergic and non-allergic diseases. Naunyn Schmiedebergs Arch Pharmacol. 2013 Sep; 386(9): 789–793. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23666445, consultato il 26.06.2018.

HelmholtzZentrum München: Asthma. Lungeninformationsdienst. Im Internet: https://www.lungeninformationsdienst.de/krankheiten/asthma/grundlagen/index.html, consultato il 26.06.2018.

HelmholtzZentrum München. Was sind die Risikofaktoren für Neurodermitis (atopisches Ekzem)? Allergieinformationsdienst. Im Internet: https://www.allergieinformationsdienst.de/krankheitsbilder/neurodermitis/risikofaktoren.html, consultato il 26.06.2018.

Hirano, T. et al. (2009): Preventative Effect of a Flavonoid, Enzymatically Modified Isoquercitrin on Ocular Symptoms of Japanese Cedar Pollinosis. Allergology International 2009; 58 (3): 373–382.

Hoskings, A. et al. (2012): Natural source d-α-tocopheryl acetate inhibits oxidant stress and modulates atopic asthma in humans in vivo. Allergy. 2012 May; 67(5): 676–682. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3476459/, consultato il 26.06.2018.

Işik, H. et al. (2010): Potential adjuvant effects of Nigella sativa seeds to improve specific immunotherapy in allergic rhinitis patients. Med Princ Pract. 19(3): 206–211. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20357504, consultato il 26.06.2018.

Kalus, U. et al. (2003): Effect of Nigella sativa (black seed) on subjective feeling in patients with allergic diseases. Phytother Res. 17(10): 1209–1214. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14669258, consultato il 26.06.2018.

Kashiwabara, M. et al. (2016): Suppression of neuropeptide production by quercetin in allergic rhinitis model rats. BMC Complement Altern Med. 2016; 16: 132. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4875744/, consultato il 26.06.2018.

Lv, C et al. (2018): Preliminary Clinical Effect Evaluation of Resveratrol in Adults with Allergic Rhinitis. Int Arch Allergy Immunol. 2018; 175(4): 231–236. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29539616, consultato il 26.06.2018.

Mazzocchi, A. et al. (2017): The Role of Nutritional Aspects in Food Allergy: Prevention and Management. Nutrients. 2017 Aug; 9(8): 850. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5579643/, consultato il 26.06.2018.

Mille, E.R. (2005): Meta-analysis: high-dosage vitamin E supplementation may increase all-cause mortality. Ann Intern Med. 2005 Jan 4; 142(1): 37–46. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15537682?dopt=Abstract, consultato il 26.06.2018.

Montaño Velázquez, B.B. et al. (2006): Vitamin E effects on nasal symptoms and serum specific IgE levels in patients with perennial allergic rhinitis. Ann Allergy Asthma Immunol. 2006 Jan; 96(1): 45-50. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16440532, consultato il 26.06.2018.

Nikakhlagh, S. et al. (2011): Herbal treatment of allergic rhinitis: the use of Nigella sativa. Am J Otolaryngol. 32(5): 402–407. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20947211, consultato il 26.06.2018.

Pejman, L. et al. (2014): Thymoquinone, the main constituent of Nigella sativa, affects adenosine receptors in asthmatic guinea pigs. Iran J Basic Med Sci. 2014 Dec; 17(12): 1012–1019. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4387224/, consultato il 26.06.2018.

Salem, A.M. et al. (2017): Effect of Nigella sativa supplementation on lung function and inflammatory mediatorsin partly controlled asthma: a randomized controlled trial. Ann Saudi Med. 2017 Jan–Feb; 37(1): 64–71. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28151459, consultato il 26.06.2018.

Schneider, B. (2018): Behandlungsansätze der Pollinose. Was bietet die konventionelle Medizin? Deutsche Zeitschrift für Akupunktur 2018; 1: 18–20. https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs42212-018-0005-3, consultato il 26.06.2018.

Schubert, R. et al. (2009): Effect of n-3 polyunsaturated fatty acids in asthma after low-dose allergen challenge. Int Arch Allergy Immunol. 2009; 148(4): 321–329. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19001792, consultato il 26.06.2018.

Schürcks, M. et al. (2010): Effects of vitamin E on stroke subtypes: meta-analysis of randomised controlled trials, BMJ 2010; 341. https://www.bmj.com/content/341/bmj.c5702, consultato il 26.06.2018.

Shahar, E. et al. (2004): Effect of vitamin E supplementation on the regular treatment of seasonal allergic rhinitis. Ann Allergy Asthma Immunol. 2004 Jun; 92(6): 654–658.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15237767, consultato il 26.06.2018.

Shaterzadeh-Yazdi, H. et al. (2018): Immunomodulatory and Anti-inflammatory Effects of Thymoquinone. Cardiovasc Hematol Disord Drug Targets. 2018; 18(1): 52–60. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29437018, consultato il 26.06.2018.

Surette, M.E. et al. (2008): The impact of a medical food containing gammalinolenic and eicosapentaenoic acids on asthma management and the quality of life of adult asthma patients. Curr Med Res Opin. 2008 Feb; 24(2): 559–567. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18194593, consultato il 26.06.2018.

Tettamanti, L. et al. (2018): Different signals induce mast cell inflammatory activity: inhibitory effect of Vitamin E. J Biol RegulHomeost Agents. 2018 Jan-Feb; 32(1): 13–19. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29504360, consultato il 26.06.2018.

Thien, F.C. et al. (1993): Dietary fish oil effects on seasonal hay fever and asthma in pollen-sensitive subjects. Am Rev Respir Dis. 1993 May; 147(5): 1138–1143. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8484622, consultato il 26.06.2018.

Watts, A.M. et al. (2018): A Specifically Designed Multispecies Probiotic Supplement Relieves Seasonal Allergic Rhinitis Symptoms. J Altern Complement Med. 2018 May 21. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29782182, consultato il 26.06.2018.

Wilson, D. et al. (2010): A randomized, double-blind, placebo-controlled exploratory study to evaluate the potential of pycnogenol for improving allergic rhinitis symptoms. Phytother Res. 2010 Aug; 24(8): 1115–1119. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20549654, consultato il 26.06.2018.

Wu, S. & Xiao, D. (2016): Effect of curcumin on nasal symptoms and airflow in patients with perennial allergic rhinitis. Ann Allergy Asthma Immunol. 2016 Dec; 117(6): 697–702. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27789120, consultato il 26.06.2018.

Yang, G. et al. (2013): Treatment of Allergic Rhinitis with Probiotics: An Alternative Approach. N Am J Med Sci. 2013 Aug; 5(8): 465–468. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3784923/, consultato il 26.06.2018.