Acido folico: fondamentale per la divisione e la maturazione delle cellule

Quali sono le funzioni dell'acido folico nell'organismo e per cosa è necessario

L'acido folico è indispensabile per numerosi processi metabolici e soprattutto per la divisione cellulare. Scoprite le conseguenze di un'assunzione insufficiente di acido folico, come si riconosce una carenza e per quali malattie o con quali farmaci occorre assicurare un apporto ottimale di acido folico.

Kalbsleber, Brokkoli, Orangen, Hülsenfrüchte, Blattgemüse auf einem dunklen Hintergrund
Il corpo non è in grado di produrre autonomamente il folato o l'acido folico e deve quindi assumerlo in forma sufficiente attraverso l'alimentazione. Fegato, verdure verdi come spinaci, broccoli e cavolo riccio, albume, legumi e prodotti integrali contengono dosi elevate di folato. Immagine: Oksana_S/iStock/Getty Images Plus, photka/iStock/Getty Images Plus

Caratteristiche e presenza negli alimenti

Caratteristiche dell'acido folico

L'acido folico appartiene al gruppo delle vitamine B ed è idrosolubile. Più precisamente, si distingue tra i folati, presenti negli alimenti, e l'acido folico prodotto chimicamente, che nell'organismo vengono trasformati in determinate forme attive.

Il corpo non è in grado di produrli autonomamente e per questo devono essere assunti in quantità sufficiente con l'alimentazione.

Più della metà del folato presente nei cibi, molto sensibile alla luce e al calore, si perde durante la conservazione e la cottura. L'acido folico invece non teme le alte temperature e quello usato per arricchire il sale da cucina non si riduce nella fase di preparazione delle pietanze.

Presenza negli alimenti

Fegato di vitello, verdure verdi come spinaci, broccoli e cavolo riccio, albume, legumi e prodotti integrali sono buon e fonti di folato. Le verdure a foglia verde contengono fino a 100 microgrammi di folato per 100 grammi. Tuttavia iil folato di origine vegetale viene assorbito dall'organismo in quantità inferiori, comprese tra il 44 e l'80%, rispetto a quello di origine animale, che può essere utilizzato fino al 100%.

Per prevenire la distruzione del folato da parte di luce e calore è inoltre importante consumare verdura della massima freschezza e cotta in modo delicato. La quantità di folato si riduce ulteriormente negli alimenti sottoposti a forte lavorazione industriale. Basti pensare che la farina bianca di frumento contiene solo un quinto del folato presente in quella integrale.

I seguenti alimenti rappresentano le cinque migliori fonti di folato:

Le cinque migliori fonti di folato sono:

Microgrammi (µg) per 100 calorie (cal)Microgrammi per 100 grammi (g)
Spinaci576134
Broccoli315105
Uova di gallina115100
Germogli di grano82270
Fegato di vitello65108

Attenzione: i valori possono oscillare.

Classificazione

Fabbisogno e funzioni nel corpo

Qual è il fabbisogno giornaliero di acido folico?

L'European Food Safety Authority (EFSA) consiglia a giovani e adulti in salute di assumere quotidianamente 330 microgrammi di acido folico. Questa quantità è sufficiente per rifornirsi dell'indispensabile vitamina B, senza rischiare un sovradosaggio. Le donne incinte e che allattano hanno bisogno di una dose leggermente superiore, pari a 600 microgrammi al giorno durante la gravidanza e 500 microgrammi al giorno durante l'allattamento.

Il corpo assorbe a livelli diversi l'acido folico e i folati e li trasforma in legami attivi del folato. L'acido folico è più stabile del folato e quindi utilizzabile dall'organismo quasi al 100 percento. Vista la diversa disponibilità, il fabbisogno viene indicato come cosiddetto folato equivalente: un microgrammo di folato equivalente corrisponde a un microgrammo di folato alimentare o a 0,5 microgrammi di acido folico. Per semplificare, d'ora in poi parleremo solo di acido folico in microgrammi.

Fabbisogno giornaliero di folato equivalente in microgrammi (µg)
Giovani e adulti330
Donne incinte600
Donne che allattano500

 

 

L'assorbimento dell'acido folico nell'organismo

Ampulle mit der Aufschrift Folat-Test
Il corpo è in grado di assorbire completamente l'acido folico, mentre solo la metà dei folati contenuti negli alimenti vegetali raggiunge il sangue. Immagine: jarun011/iStock/Getty Images Plus

I folati e l'acido folico sono assorbiti nell'intestino tenue a livelli diversi. Il corpo è in grado di assorbire completamente l'acido folico, mentre solo la metà dei folati contenuti negli alimenti vegetali raggiunge il sangue.

Se necessario, il corpo attiva l'acido folico e il folato nella forma del cosiddetto acido tetraidrofolico (THF) e in altre diverse sottoforme, come l'acido 5-metiltetraidrofolico (5-MTHF), che rappresentano i composti attivi più importanti nel metabolismo.

Informazioni

Molte persone non riescono ad assorbire correttamente l'acido folico e i folati: una su due non è in grado di sintetizzare a sufficienza la forma attiva dell'acido 5-metiltetraidrofolico per una disfunzione dell'enzima necessario. La causa va ricercata in una mutazione genetica. Di conseguenza, nonostante un apporto sufficiente, il livello dei folati nel sangue resta minimo. È possibile aggirare questo difetto genetico assumendo direttamente la forma attiva dell'acido 5-metiltetraidrofolico.

Solitamente il corpo conserva solo piccole riserve di acido folico, la metà delle quali nel fegato.

Quali sono le funzioni dell'acido folico?

Illustration von DNA Molekülen
L'acido folico è essenziale per molte funzioni vitali dell'organismo, come ad esempio la divisione cellulare, l'emopoiesi e lo sviluppo del sistema nervoso. Immagine: Pablo_K/iStock/Getty Images Plus

L'acido folico è indispensabile per molte funzioni vitali dell'organismo. Le principali sono:

Divisione cellulare ed emopoiesi: Il corpo ha bisogno dell'acido folico per la divisione delle cel, ad esempio per la formazione del sangue e per la crescita, nonché per la produzione del DNA. L'acido folico deve essere disponibile in quantità sufficienti per le cellule che si rinnovano velocemente, come quelle delle pareti intestinali, dei polmoni e del sangue.

Sviluppo del sistema nervoso: Il corpo della donna ha bisogno di acido folico per il corretto sviluppo del sistema nervoso dell'embrione nel grembo materno. Una sua carenza può impedire la chiusura di parti del sistema nervoso, il cosiddetto tubo neurale, provocando la spina bifida (difetto del tubo neurale).

Metabolismo delle proteine e dell'omocisteina: L'acido folico svolge un'importante funzione depurativa, ad esempio trasformando l'omocisteina dannosa per le cellule in metionina, un aminoacido normalmente incluso nella composizione delle proteine.

Classificazione

Come riconoscere ed eliminare una carenza

Come riconoscere i segni di una carenza di acido folico

Stanchezza, pallore, spossatezza e problemi di concentrazione sono i primi segnali di una carenza di acido folico. Se la carenza non viene curata, il sistema immunitario si indebolisce, rendendo il corpo più esposto alle infezioni.

L'acido folico è necessario anche per proteggere le cellule nervose e per formare i neurotrasmettitori. Una carenza protratta nel tempo favorisce inappetenza, cambi d'umore e depressione.

Solitamente i disturbi scompaiono una volta ripristinati i livelli normali.

Attenzione: Le donne incinte e con desiderio di maternità devono assicurarsi di assumere quantità sufficienti di acido folico per escludere possibili danni all'embrione. Una carenza di acido folico può causare difetti di chiusura del tubo neurale e malformazioni al feto, impossibili da curare.

Chi è colpito da una carenza di acido folico?

Esistono cinque gruppi a rischio che spesso non assumono quantità sufficienti di questa importante vitamina, sviluppandouna carenza di acido folico:

Alcolizzati e fumatori: Alcol e nicotina, anche con un consumo moderato, danneggiano l'assorbimento e la trasformazione dell'acido folico nella sua forma attiva. Un consumo regolare di alcol aumenta quindi in misura enorme il rischio di una carenza. Alcuni studi hanno evidenziato come una carenza di acido folico possa colpire fino a un terzo degli alcolisti.

Persone con una determinata modificazione genetica: Una modificazione genetica può evitare che l'acido folico sia trasformato in modo ottimale nella sua forma attiva, l'acido 5-metiltetraidrofolico. A causa di questo difetto genetico, l'enzima necessario alla trasformazione è attivo solo in misura ridotta, con un conseguente stato di carenza, nonostante un apporto sufficiente. La metà della popolazione mondiale presenta questa modificazione genetica, a cui si può rimediare solo assumendo direttamente l'acido 5-metiltetraidrofolico mancante.

Vegetariani e vegani: Anche vegetariani e vegani rappresentano un gruppo a rischio, nonostante le verdure a foglia verde contengano molto folato. A differenza dei folati di origine animale, quelli forniti dagli alimenti vegetali non vengono interamente assorbiti dall'organismo.

Persone con malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI): L'intestino infiammato limita l'assunzione dell'acido folico e interessa in particolare le persone con malattie infiammatorie intestinali croniche o intolleranti al glutine contenuto in grano e cereali (celiachia).

Donne che assumono la pillola anticoncezionale: Diversi studi dimostrano come l'assunzione della pillola anticoncezionale aumenti il fabbisogno di acido folico. I contraccettivi contenenti estrogeni inibiscono l'assunzione dell'assorbimento dell'acido folico nell'intestino, aumentandone al tempo stesso l'eliminazione da parte dell'organismo, che non dispone quindi della quantità necessaria. Le donne che non assumono sufficiente acido folico con l'alimentazione sono particolarmente a rischio di sviluppare una carenza.

Acido folico: comprendere i valori di laboratorio

Per determinare il livello di acido folico, il medico può misurare la quantità di folati sia nel siero sanguigno sia nei globuli rossi (eritrociti). Il siero è la parte liquida del sangue, priva di cellule ematiche. È preferibile rilevare la quantità presente nei globuli rossi, poiché maggiormente indicativa.

 

 

Il parere degli esperti

La concentrazione di folato nel siero riflette il livello nel breve termine, ma si tratta di un risultato incerto, poiché lo scambio tra i tessuti può portare a un risultato falso negativo o positivo. La concentrazione negli eritrociti è più affidabile e viene utilizzata come parametro a lungo termine.

 

L'esame sanguigno viene effettuato a digiuno, ovvero a dodici ore di distanza dall'ultimo consumo di alimenti. L'eventuale assunzione di qualsiasi farmaco deve essere interrotta tre giorni prima del prelievo di sangue, poiché alcuni medicinali, come ad esempio l'antireumatico metotrexato, inibiscono l'assorbimento dell'acirdo folico e possono distorcere il risultato.

In caso di carenza di acido folico, è inoltre opportuno verificare anche il livello di vitamina B12, poiché i sintomi della carenza di acido folico e vitamina B12 sono molto simili e possono rendersi reciprocamente invisibili.

 Folato nel siero in microgrammi per litro (µg/l) [nanomoli per litro (nmol/l)]Folato negli eritrociti in microgrammi per litro [nanomoli per litro]
Valori normalisuperiore a 5,9 [superiore a 13,3]da 250 a 400
Lieve carenzada 3,5 a 4 [da 7,9 a 9]200 [567,5]
Carenzameno di 3,5 [meno di 7,9]meno di 150

 

 

Il parere degli esperti

Una concentrazione superiore a 990 nanomoli per litro (nmol/l) di folato negli eritrociti nelle donne incinte rappresenta una protezione ottimale dai difetti del tubo neurale per il feto.

Come eliminare una carenza di acido folico

Folsäure Verpackung und Blister mit Kapseln
I preparati ad alto dosaggio di acido folico in forma di compresse o capsule assicurano un apporto sufficiente di questo principio nutritivo in caso di eventuali carenze. Immagine: ayo888/iStock/Getty Images Plus

In caso di carenza è necessario assumere una dose elevata di acido folico, seguendo il consiglio del medico. A seconda delle caratteristiche e della causa di tale carenza, la dose giornaliera consigliata è compresa tra 300 e 1.000 microgrammi. Non è possibile raggiungere queste quantità solo cambiando l'alimentazione, poiché il folato alimentare si perde durante la conservazione e la preparazione. Inoltre solo la metà circa dei folati contenuti negli alimenti viene assorbita dall'organismo. Preparati ad alto dosaggio di acido folico sotto forma di compresse o capsule assicurano una fornitura sufficiente di questo principio nutritivo in caso di carenze.

Consiglio

In presenza di disturbi legati all'assorbimento dell'acido folico, dovuti ad esempio a un difetto genetico, è opportuno optare per la forma attiva rappresentata dall'acido 5-metiltetraidrofolico, l'unico in grado di risolvere la carenza. Visti i costi elevati del relativo test genetico, la soluzione più semplice è quella di assumere direttamente la forma attiva.

In presenza di una comprovata carenza, può essere indicata una somministrazione iniziale di 1.500 microgrammi di acido folico tramite iniezione intramuscolare. Discutete con il medico questa possibilità oppure valutate con lui dose e durata dell'assunzione.

Dose giornaliera di acido folico consigliata in caso di carenza in microgrammi (µg)
Lieve carenzaalmeno 1.000
Carenzada 1.000 a 5.000

 

 

Classificazione
Sitzende, schwangere Frau hält sich ihren Bauch
L'acido folico è un elemento importante per prevenire malformazioni dell'embrione. Immagine: Wavebreakmedia/iStock/Getty Images Plus

Assunzione in gravidanza e in caso di malattie

Acido folico in gravidanza per proteggere il bambino da malformazioni

Le donne che desiderano un figlio dovrebbero assumere almeno 400 microgrammi al giorno di acido folico, iniziando al più tardi quattro settimane prima dell'avvio della gravidanza Idealmente le donne con desiderio di maternità dovrebbero seguire una dieta ricca di folati e assumere preparati a base di acido folico già prima della gravidanza, per prevenire difetti del tubo neurale, assicurando un apporto ottimale e una crescita sana del bambino. L'acido folico è importante per prevenire malformazioni dell'embrione, perché riduce il rischio di problemi nello sviluppo del midollo spinale, come la spina bifida.

Numerosi studi confermano che l'assunzione di almeno 400 microgrammi di acido folico al giorno può ridurre del 50/60 percento il rischio di difetti al tubo neurale, oltre a diminuire la probabilità di un parto prematuro.

Informazioni

La pillola anticoncezionale è una vera e propria "ladra" di acido folico, di cui inibisce l'assorbimento. Per questo soprattutto le donne che ne fanno uso dovrebbero iniziare ad assumere acido folico ancora prima di sospenderla quest'ultima ne blocca l'utilizzo agendo come un "ladro di acido folico". Molte donne presentano quindi una carenza di acido folico già prima della gravidanza. In assenza di supplementazione, i livelli si normalizzano dopo un massimo di sei mesi dall'interruzione della pillola.

L'acido folico protegge dalle malattie cardiocircolatorie e dai danni vascolari.

L'acido folico partecipa alla distruzione dell'omocisteina, dannosa per le cellule, poiché il suo accumulo nel sangue può danneggiare i vasi. Livelli elevati di omocisteina aumentano il rischio di malattie cardiocircolatorie, come ad esempio l'ictus. Come dimostrano le statistiche, a un calo del 25 percento del livello di omocisteina corrisponde una diminuzione del 10 percento delle cardiopatie e del 20 percento dei casi di ictus.

Studi di alto livello mostrano come l'acido folico sia in grado di ridurre il rischio di malattie cardiocircolatorie e ictus. A titolo preventivo si consiglia una dose compresa tra 400 e 5.000 microgrammi di acido folico al giorno. Il dosaggio preciso va valutato con il proprio medico.

Poiché il metabolismo dell'omocisteina coinvolge diverse vitamine del gruppo B, nella medicina dei micronutrienti si ricorre a una combinazione di vitamina B2, B6, B12 e almeno 400 microgrammi di acido folico per ridurre il valore elevato di omocisteina. Uno studio di alto livello ha dimostrato come la combinazione di acido folico e vitamina B6 sia efficace per la protezione contro gli ictus. 

L'acido folico può avere un effetto positivo sulla demenza

Come dimostrato da diversi studi di alto livello, l'acido folico può influire positivamente sulla demenza, se le persone colpite presentano un livello ridotto di folato e un valore elevato di omocisteina. In un quadro clinico di questo tipo è consigliabile l’assunzione di una dose di acido folico compresa tra 400 e 800 microgrammi in combinazione con le vitamine B6 e B12. Nelle persone anziane bisogna sempre escludere una carenza di vitamina B12 prima di ogni somministrazione di acido folico.

Assunzione di acido folico in gravidanza e in caso di malattie: Dosaggi consigliati in breve

Dose giornaliera di acido folico consigliata in microgrammi (µg)
Donne con desiderio di maternità e incintealmeno 400
Malattie cardiocircolatoriealmeno 400
livello elevato di omocisteina (iperomocisteinemia)almeno 400
Mutazione del gene MTHFR, polimorfismoda 400 a 5.000 come acido 5-metiltetraidrofolico (5-MTHF)
Demenzada 400 a 800

 

 

Classificazione

Utilizzo in caso di assunzione di farmaci

La pillola anticoncezionale riduce l'assorbimento dell'acido folico

Gli anticoncezionali che attraversano il tratto gastrointestinale influenzano il livello di acido folico, ne bloccano l'assorbimento nell'intestino, ne ostacolano l'impiego nell'organismo e ne aumentano l'eliminazione, creando i presupposti per una carenza.

Sono incluse tutte le pillole anticoncezionali in commercio, che contengono ad esempio i principi attivi etinilestradiolo (estrogeno)e levonorgestrel, desogestrel, drospirenone, dienogest (gestageno) e clormadinone.

Si consiglia quindi di integrare l'assunzione della pillola anticoncezionale con almeno 400 microgrammi di acido folico. 

 

 

Informazioni

Da ricordare se si desidera avere un figlio: dopo la sospensione della pillola, possono occorrere fino a sei mesi per compensare la carenza di acido folico attraverso l'alimentazione. Per evitare il problema a monte, è quindi opportuno controllare il livello dell'acido folico già durante l'assunzione dell'anticoncezionale.

L'acido folico e il metotrexat si inibiscono a vicenda

Il metotrexato (MTX), utilizzato contro reumatismi, tumori e malattie autoimmuni, disturba il metabolismo dell'acido folico. Se assunti contemporaneamente in dosi elevate, l'MTX e l'acido folico possono inibirsi a vicenda. Pertanto una terapia a base di MTX può far aumentare il livello di omocisteina, una citotossina che rappresenta un ulteriore sovraccarico per l'organismo.

L'assunzione di 1.000 microgrammi di acido folico al giorno sembra non compromettere l'effetto terapeutico dell'MTX a basso dosaggio. Di conseguenza i medici esperti in micronutrienti ne consigliano l'assunzione combinata, per evitare un aumento dell'omocisteina e proteggere così le cellule.

I farmaci antidiabetici riducono il livello di acido folico

I diabetici che assumono il principio attivo metformina dovrebbero fare attenzione all'apporto di acido folico, perché il farmaco ne blocca l'assorbimento. Studi hanno dimostrato che il principio attivo molto spesso prescritto a chi soffre di diabete di tipo 2 influisce sul bilancio vitaminico, riducendo il livello di acido folico del sette percento circa.

Si consiglia l'assunzione concomitante di almeno 400 microgrammi di acido folico al giorno, preferibilmente insieme ad altre vitamine del gruppo B.

I diuretici aumentano l'eliminazione dell'acido folico

L'assunzione di principi attivi drenanti, come tiazide e diuretici dell'ansa, determina un aumento del fabbisogno di acido folico. I diuretici aumentano la produzione di urina, accelerando l'espulsione dell'acido folico, che scende al di sotto della quantità necessaria all'organismo con il conseguente innalzamento del livello di omocisteina.

In caso di assunzione a lungo termine di farmaci drenanti, si dovrebbe assumere una dose di acido folico compresa tra 400 e 1.000 microgrammi, ancora meglio in combinazione con le vitamine B6 e B12. Il dosaggio preciso e la durata del trattamento vanno valutati con il proprio medico.

Gli antiepilettici possono ridurre il livello di acido folico

Diversi principi attivi contro l'epilessia, come ad esempio fenitoina o carbamazepina, limitano l'assorbimento e l'utilizzo dell'acido folico.

In caso di trattamento a lungo termine con antiepilettici, è necessario assumere in modo costante una dose di acido folico compresa tra 400 e 1.000 microgrammi per contrastare un'eventuale carenza.

Informazioni

Tuttavia l'acido folico in dosi superiori a 1.000 microgrammi può accelerare la distruzione della fenitoina, indebolendo così il suo effetto antiepilettico. L'assunzione contemporanea di acido folico e fenitoina deve essere preceduta da un consulto medico e dalla ricerca di eventuali alternative.

Acido folico e farmaci: Dosaggi consigliati in breve

Dose giornaliera di acido folico consigliata in microgrammi (µg)
Assunzione della pillola anticoncezionaleda 400 a 800
Terapia antireumatica o chemioterapia con metotrexatofino a 1.000
Farmaci antidiabeticialmeno 400
Diureticida 400 a 1.000
Antiepiletticida 400 a 1.000

 

 

Classificazione

Assunzione consigliata

Quando e in che misura andrebbe assunto l'acido folico?

Frau hat zwei Kapseln auf der Handfläche liegen
Si consiglia un'alimentazione equilibrata, con molte verdure verdi ricche di folato. In caso di carenza spesso il medico opta per preparati a base di dosi elevate di acido folico. Immagine: diego_cervo/iStock/Getty Images Plus

Si consiglia un'alimentazione equilibrata, con molte verdure verdi ricche di folato. La sola alimentazione non è però in grado di soddisfare un fabbisogno elevato, poiché l'organismo assorbe solo la metà del folato contenuto nei cibi.

In caso di carenza spesso il medico opta per preparati con dosi elevate di acido folico, meglio se già nella forma attiva dell'acido 5-metiltetraidrofolico. I preparati a base di acido folico sono disponibili sotto forma di compresse e capsule.

Il momento migliore per assumerle è ai pasti, poiché a digiuno risulterebbero più difficilmente digeribili.

Informazioni

In presenza di una comprovata carenza, può essere opportuno avviare la terapia con la somministrazione di acido folico mediante iniezioni intramuscolari.

Si consiglia di integrare l'acido folico con la vitamina B12, poiché se ingerito in grandi quantità (1.000 microgrammi) può nascondere un'eventuale carenza di detta vitamina. Tutte le informazioni importanti sono disponibili alla voce Interazioni.

Da cosa si riconosce un buon preparato a base di acido folico

Un preparato a base di acido folico di alta qualità e disponibile rapidamente contiene la forma attiva dell'acido 5-metiltetraidrofolico, che non deve essere trasformata nell'organismo e può essere utilizzata immediatamente. L'acido folico andrebbe assunto sempre nella sua forma attiva. I buoni preparati con una dose elevata di acido folico contengono anche la vitamina B12.

Inoltre i preparati di qualità sono privi di additivi, quali coloranti e aromi, o di eccipienti sintetici che semplificano la produzione. I buoni preparati non dovrebbero neppure contenere sostanze che causano allergie o intolleranze.

Classificazione

Sovradosaggio e interazioni

È possibile che si verifichi un sovradosaggio di acido folico?

Per escludere il rischio di sovradosaggio, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha indicato come limite massimo per gli adulti una dose pari a 1.000 microgrammi di acido folico al giorno, che non dovrebbe essere superata per lunghi periodi. Per bambini e ragazzi di età compresa tra uno e 17 anni l'assunzione totale accettabile è compresa tra 200 e 800 microgrammi al giorno. Non sono stati osservati effetti dannosi in caso di assunzione di dosi maggiori per brevi periodi di tempo.

L'acido folico causa il tumore all'intestino? Studi recenti stanno verificando se un sovradosaggio pluriennale di acido folico di produzione industriale possa favorire lo sviluppo di lesioni precancerose, soprattutto del tumore all'intestino crasso. Sembra che un eventuale effetto protettivo o cancerogeno dipenda dalla dose e dal metabolismo individuale.

Secondo una valutazione del rischio basata sui dati disponibili:

  • La carenza di acido folico aumenta il rischio di contrarre diversi tipi di tumori. Altri elementi disponibili fanno altresì ritenere che l'assunzione di folato alimentare e acido folico in dosi comprese tra 200 e 600 microgrammi al giorno, rispetto a un'assunzione minore, riduca il rischio di tumore all'intestino crasso.
  • Il rischio di tumore all'intestino crasso in persone con un apporto ottimale di acido foliconon varia aumentando la dose.
  • In determinate condizioni dosi di acido folico superiori a quelle consigliate, comprese tra 200 e 600 microgrammi al giorno, possono contribuire alla progressione di tumori all'intestino e alla prostata o, in presenza di lesioni precancerose, favorirne lo sviluppo allo stadio tumorale.

Il parere degli esperti

Per prima cosa l'acido folico deve essere ridotto nell'intestino tramite la diidrofolato reduttasi. Tuttavia l'attività enzimatica varia fortemente da un individuo all'altro e quindi l'acido folico entra in circolo anche senza essere metabolizzato. Non si conoscono le conseguenze di questo apporto eccessivo, che può essere evitato con la somministrazione diretta della forma ridotta dell'acido 5-metiltetraidrofolico. Studi attualmente in corso puntano a verificare quali conseguenze questo potrebbe avere sugli effetti collaterali.

L'acido folico può nascondere una carenza di vitamina B12

In alcuni casi un livello elevato di acido folico può "nascondere" una carenza di vitamina B12, già a partire da un'assunzione giornaliera di 1.000 microgrammi. Questo è dovuto al fatto che una carenza di vitamina B12 e di folato forniscono gli stessi risultati nell'emocromo. L'assunzione di acido folico migliora oggettivamente i risultati degli esami del sangue, ma non evita i sintomi neurologici di una carenza di vitamina B12. Al contrario, potrebbe addirittura rafforzarli. Si consiglia quindi di assumere dosi elevate di acido folico, combinate alla vitamina B12.

L'acido folico indebolisce l'effetto degli antibiotici

Contro le malattie infettive si utilizzano farmaci contenenti i principi attivi trimetoprim, proguanil e pirimetamina, la cui efficacia è ridotta dall'acido folico.

L'acido folico può aumentare gli effetti collaterali dei farmaci antitumorali

È possibile che l'assunzione di quantità elevate di acido folico rafforzi alcuni effetti collaterali di determinati farmaci antitumorali, tra cui i principi attivi 5-fluorouracile e capecitabina.

In caso di tumore è sempre necessario consultare il proprio medico curante prima di assumere acido folico.

Classificazione

Riepilogo

Il nostro corpo ha bisogno dell'acido folico per la formazione e la maturazione di nuove cellule. Poiché il folato naturale contenuto negli alimenti è sensibile alla luce e al calore e spesso presente in misura molto ridotta nei cibi di produzione industriale, la sola alimentazione difficilmente soddisfa il fabbisogno giornaliero. A ciò si aggiunge il fatto che molte persone, a causa di una modificazione genetica, utilizzano solo in modo insufficiente il folato introdotto con l'alimentazione e dovrebbero assumere la forma attiva, l'acido 5-metiltetraidrofolico.

L'acido folico è insostituibile soprattutto per le donne incinte e per quelle che desiderano un bambino, poiché contribuisce a un sano sviluppo del feto. Inoltre svolge un ruolo importante nella protezione da malattie cardiocircolatorie, ictus e depressione poiché regola la distruzione dell'omocisteina, una citotossina.

I farmaci antidiabetici, la pillola anticoncezionale, i diuretici e i farmaci antiepilettici aumentano il fabbisogno di acido folico. Il principio attivo metotrexato e l'acido folico si inibiscono a vicenda. L'acido folico può nascondere i sintomi di una carenza da vitamina B12, attenuare l'efficacia di alcuni antibiotici o rafforzare gli effetti collaterali di determinati farmaci antitumorali.

Classificazione

Indice degli studi e delle fonti

Abramsky L., Noble J. (2002): Effects of folic acid. Lancet 359:2039. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12076582, consulato il 30.10.2017

Ärzte Zeitung (2017): Die zwei Gesichter eines B-Vitamins. Ärzte Zeitung online, 01.03.2017 https://www.aerztezeitung.de/medizin/krankheiten/krebs/article/930766/folat-folsaeure-zwei-gesichter-b-vitamins.html, consulato il 14.11.2017.

Biesaklsi, H.-K. (2016): Vitamine und Minerale. Indikation, Diagnostik, Therapie. 1. Aufl. Georg Thieme Verlag Stuttgart New York.

Biesalski, H.-K. et al. (2010): Ernährungsmedizin. 4. Aufl. Georg Thieme Verlag Stuttgart.

Bundesinstitut für Risikoabschätzung (2017): Nutzen-Risiko-Abwägung einer flächendeckenden Anreicherung von Mehl mit Folsäure. Stellungnahme Nr. 027/2017 des BfR. http://www.bfr.bund.de/cm/343/nutzen-risiko-abwaegung-einer-flaechendeckenden-anreicherung-von-mehl-mit-folsaeure.pdf, consulato il 16.11.2017.   

Caudill, M.A. (2010): Folate bioavailability: implications for establishing dietary recommendations and optimizing status. Am J Clin Nutr. 91(5): 1455S–1460S. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2854911/, consulato il 14.11.2017.

Cui S., et al. (2017): Folic acid attenuates homocysteine and enhances antioxidative capacity in atherosclerotic rats. Appl Physiol Nutr Metab. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28575637, consulato il 17.07.2017.

Deutsche Gesellschaft für Ernährung (Hrsg.) (2013): DGE veröffentlicht neue Referenzwerte für Folat. Online-Information: https://www.dge.de/wissenschaft/referenzwerte/folat, consulato il 26.04.2017.

Dong, H. et al. (2015): Efficacy of Supplementation with B Vitamins for Stroke Prevention: A Network Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials. PLoS One. 10(9):e0137533. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26355679, consulato il 30.10.2017

Douaud, G. et al. (2013): Preventing Alzheimer's disease-related gray matter atrophy by B-vitamin treatment. Proc Natl Acad Sci U S A. 2013 Jun 4;110(23):9523-8. www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23690582, consulato il 07.11.2017. 

Ebara, S. (2017): The Nutritional Role of Folate. Congenit Anom. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28603928, Zugriff 17.07.2017.

Gröber, U. (2011): Mikronährstoffe. Metbolic Tuning – Prävention – Therapie. 3. Aufl. Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft, Stuttgart.

Henzel, K.S. et al. (2017): High-dose maternal folic acid supplementation before conception impairs reversal learning in offspring mice. Sci Rep. 8;7(1):3098. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28596566, Zugriff 17.07.2017.

Holmes M.V. et al. (2011): Effect modification by population dietary folate on the association between MTHFR genotype, homocysteine, and stroke risk: a meta-analysis of genetic studies and randomised trials. Lancet 378(9791):584-594, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21803414, consulato il 17.07.2017.

Hwang, S.Y. et al. (2017): Folic Acid is Necessary for Proliferation and Differentiation of C2C12 Myoblasts. J Cell Physiol. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28471487, consulato il 17.07.2017

Koletzko, Berthold; Pietrzik, Klaus (2004): Gesundheitliche Bedeutung der Folsäurezufuhr. Dtsch Arztebl 2004; 101(23).Online-Information: https://www.aerzteblatt.de/archiv/42187/Gesundheitliche-Bedeutung-der-Folsaeurezufuhr, consulato il 30.10.2017

Krawinkel, M.B. et al. (2014): Revised D-A-CH intake recommendations for folate: how much is needed? Eur J Clin Nutr 68:719-723. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24690591, consulato il 17.07.2017.

Nguyen, P.H. et al. (2017): Impact of preconceptional micronutrient supplementation on maternal mental health during pregnancy and postpartum: results from a randomized controlled trial in Vietnam. BMC Womens Health. 17(1):44. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28623904, consulato il 17.07.2017.

Octavia Y., et al. (2017): Folic acid reduces doxorubicin-induced cardiomyopathy by modulating endothelial nitric oxide synthase. J Cell Mol Med. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28608983, consulato il 17.07.2017.
Patanwala, I. et al. (2014): Folic acid handling by the human gut: implications for food fortification and supplementation. Am J Clin Nutr. 2014 Aug; 100(2): 593–599. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4095662/, consulato il 14.11.2017.

Pitkin R.M. (2007): Folate and neural tube defects. Am J Clin Nutr 85(1): 285–288https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17209211, consulato il 20.10.2017

Shea, B. et al. (2013): Folic acid and folinic acid for reducing side effects in patients receiving methotrexate for rheumatoid arthritis. Cochrane Database Syst Rev. 2013 May 31;(5):CD000951. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23728635, consulato il 03.11.2017.

Shere, M. et al. (2015): Association Between Use of Oral Contraceptives and Folate Status: A Systemtic Review and Meta-Analysis. J Obstet Gynaecol Can 37 (5):430-438. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26168104, consulato il 17.07.2017.

Sicińska, E. et al. (2017): Supplementation with [6S]-5-methyltetrahydrofolate or folic acid equally reduces serum homocysteine concentrations in older adults. Int J Food Sci Nutr 2:1-10. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28460586, consulato il 17.07.2017.

Smith, AD et al. (2010): Homocysteine-Lowering by B Vitamins Slows the Rate of Accelerated Brain Atrophy in Mild Cognitive Impairment: A Randomized Controlled Trial. PLoS One. 2010 Sep 8;5(9):e12244. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20838622, consulato il 07.11.2017.  

Smolen, J.S. et al. (2017): A randomised, double-blind trial to demonstrate bioequivalence of GP2013 and reference rituximab combined with methotrexate in patients with active rheumatoid arthritis. Ann Rheum Dis. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28637670, consulato il 17.07.2017.

Strohm, D. et al. (2014): Letter tot the editor – In reference to critical evaluation of lowering the recommended dietary intake of folate Clin Nutr 33:733-734 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24844872, consulato il 17.07.2017.

Thomas, L. (2008): Labor und Diagnose: Indikation und Bewertung von Laborbefunden für die medizinische Diagnostik. 7. Aufl. Th-Books Verlagsgesellschaft mbH, Frankfurt/Main.

Triantafillidis, J.K. et al. (2009): Colorectal cancer and inflammatory bowel disease: epidemiology, risk factors, mechanisms of carcinogenesis and prevention strategies. Anticancer Res 29 (7):2727-2737. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19596953, consulato il 17.07.2017

Tönz O. et al. (1996): Folsäure zur Verhütung von Neuralrohrdefekten. Schweiz Med Wochenschr 126: 177–187. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8685688, consulato il 20.10.2017

Vollset S.E. et al (2013): Effects of folic acid supplementation on overall and site-specific cancer incidence during the randomised trials: meta-analyses of data on 50 000 individuals. The Lancet 381 (9871): 1029-1036. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23352552, consulato il 17.07.2017.

Weißenborn, A. et al. (2017): Ein Vitamin mit zwei Gesichtern. Folsäure – Prävention oder Promotion von Dickdarmkrebs? Bundesgesundheitsblatt – Gesundheitsforschung – Gesundheitsschutz 60 (3): 332–340. https:/www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28050621, consulato il 17.07.2017.

Zhao M. (2017): Meta-analysis of folic acid efficacy trials in stroke prevention: Insight into effect modifiers. Neurology. 88(19):1830-1838, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28404799, consulato il 20.10.2017 

Classificazione

Altri articoli interessanti su VitaminDoctor.com:

Mostra