Come ridurli livelli di omocisteina superiori alla norma

In che modo i nutrienti trattano l’iperomocisteinemia e riducono il rischio di malattie conseguenti

Nelle persone che soffrono di iperomocisteinemia il livello di questa sostanza nel sangue supera i valori normali. L’omocisteina è un veleno cellulare che danneggia le pareti dei vasi. Se raggiunge livelli troppo elevati, si trasforma in un fattore di rischio critico per trombosi, embolie, arteriosclerosi, infarto cardiaco e ictus. Determinati micronutrienti sono necessari per eliminarla dall’organismo e contribuire così a ridurre il rischio di numerose malattie conseguenti.

Immagine della formula chimica dell’omocisteina
Livelli elevati di omocisteina possono causare trombosi, embolie, arteriosclerosi e anche infarto cardiaco o ictus. Immagine: makaule/iStock/Getty Images Plus

Cause e sintomi

A cosa è dovuto un aumento del livello di omocisteina?

L’omocisteina è un prodotto intermedio nocivo che si forma naturalmente durante il metabolismo e che deve essere costantemente neutralizzato. Per trasformare questa sostanza in legami innocui, sono necessarie diverse vitamine che scindono l’omocisteina in sostanze non pericolose, ovvero nei due aminoacidi metionina e cisteina.

Informazioni

In medicina, un aumento dei livelli di omocisteina nel sangue viene definito iperomocisteinemia, o, in breve, omocisteinemia.

Cause: normalmente l’organismo è in grado di mantenere nella norma il livello di omocisteina ed evitare così che danneggi i vasi. Tuttavia, diversi fattori possono causare un aumento di questa sostanza nel sangue. Tra questi ricordiamo:

  • Carenza vitaminica: nella maggior parte dei casi, l’iperomocisteinemia è causata da una carenza di vitamine B6, B12 e acido folico. Con l’avanzare dell’età, ma anche in presenza di uno stile di vita non salutare, l’apporto di questi micronutrienti si riduce. Una carenza vitaminica si manifesta con maggiore frequenza anche nelle persone che soffrono di malattie gastrointestinali, quali gastrite cronica (infiammazione cronica della mucosa intestinale) e malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI), o che seguono una dieta rigida a causa della celiachia (intolleranza al glutine).
  • Difetto genetico: a causa di difetti genetici ereditari, gli enzimi del metabolismo dell’omocisteina non funzionano correttamente o per nulla, causando un aumento dei livelli ematici di omocisteina, che attraversa i reni e raggiunge l’urina, per essere poi eliminata (omocistinuria). Questa forma grave è però molto rara: secondo le stime colpisce circa 300.000 persone in tutto il mondo. Le malattie cardiovascolari possono colpire già bambini e adolescenti, anche se più spesso la causa del malfunzionamento degli enzimi è da ricondursi a un altro difetto genetico, la mutazione omozigote del gene MTHFR, che può ridurre di circa il 70 percento l’attività enzimatica. Questa forma più lieve colpisce circa il 16 percento della popolazione, ossia una persona su sei.
  • Insufficienza renale cronica: i pazienti con insufficienza renale cronica presentano un metabolismo renale limitato, che non è più in grado di eliminare l’omocisteina in modo sufficiente. 
  • Uso di farmaci: i farmaci per la riduzione dei livelli di colesterolo e di grassi nel sangue (come il fenofibrato) o i farmaci antiparkinsoniani (L-dopa) possono causare un aumento dell’omocisteina. Anche l’assunzione prolungata di antiepilettici come la fenitoina, la carbamazepina e l’acido valproico favoriscono l’iperomocisteinemia.;  Lo stesso vale per i farmaci che bloccano la formazione degli acidi gastrici (inibitori della pompa protonica), che riducono l’assorbimento della vitamina B12, la quale svolge un ruolo importante nell’eliminazione dell’omocisteina.
  • Consumo di alcol: l’alcol influisce sugli enzimi chiave del metabolismo dell’omocisteina. Basta un consumo moderato di alcol per alzare il livello di omocisteina.
  • Alimentazione ricca di proteine: un apporto elevato di proteine animali può aumentare il livello di omocisteina se il metabolismo non funziona perfettamente.  
  • Disturbi metabolici: diversi disturbi metabolici, come l’ipotiroidismo o il diabete, sono legati anche ad un aumento dei livelli di omocisteina.

Sintomi e conseguenze dell’iperomocisteinemia

Sezione di un’arteria
Livelli troppo elevati di omocisteina possono modificare il funzionamento delle cellule dei vasi e favorire alterazioni trombotiche e arteriosclerotiche. Immagine: 7activestudio/iStock/Getty Images Plus

Sintomi: non è possibile accorgersi se il livello dell’omocisteina supera i valori normali. Si tratta infatti di una patologia asintomatica, rilevabile solo dalle sue malattie conseguenti.

Conseguenze: i medici ritengono che un aumento del livello di omocisteina modifichi il funzionamento delle cellule dei vasi, favorendo alterazioni trombotiche e arteriosclerotiche. Studi osservazionali mostrano che l’iperomocisteinemia è un fattore di rischio per molte altre patologie:

  • Arteriosclerosi
  • Demenza, come l’Alzheimer
  • Osteoporosi
  • Complicanze cardiovascolari associate a nefropatie (insufficienza renale)
  • Complicanze legate al diabete
  • Stato depressivo o depressione
  • Degenerazione maculare senile (DMS)
  • Complicanze da gravidanza come la preeclampsia

In caso di difetto genetico, sintomi come miopia, disabilità intellettiva, scoliosi oppure osteoporosi possono manifestarsi già in età infantile. Nei primi anni dell’età adulta il rischio di complicanze come infarto cardiaco, ictus, trombosi ed embolie aumenta. 

Classificazione

Obiettivi del trattamento

Come viene trattato in modo classico un aumento del livello di omocisteina?

Un livello elevato di omocisteina può avere origine genetica o essere dovuto allo stile di vita. L’omocistinuria, un disturbo metabolico genetico, è riconosciuta come malattia in base alla Classificazione internazionale delle malattie (ICD), al contrario dell’omocisteinemia acquisita.

In entrambi i casi il trattamento tradizionale mira a ridurre nel modo più efficace possibile l’elevata concentrazione di omocisteina nel sangue ricorrendo a una terapia basta sui micronutrienti che prevede, per prima cosa, la somministrazione di acido folico, vitamina B6 (piridossina), vitamina B12 (cobalamina) e betaina.

Poiché tutte le fonti proteiche contengono metionina, ad alcuni pazienti affetti da malattie genetiche si consiglia di ridurre l’assunzione di proteine e di ricorrere invece a selezionati componenti proteici (miscele di aminoacidi) privi di metionina.

Per prevenire il rischio di embolie trombotiche, spesso i pazienti sono trattati anche con anticoagulanti come l’acido acetilsalicilico (ASA).

Gli obiettivi della medicina dei micronutrienti

Come la medicina classica, anche quella dei micronutrienti tratta l’eccesso di omocisteina ricorrendo alle vitamine, perché spesso un aumento dei suoi valori è dovuto a una carenza vitaminica. Tuttavia, esistono anche altri principi attivi utili:

  • Gli acidi grassi omega-3 supportano e rafforzano l’effetto delle vitamine.
  • L’N-acetilcisteina riduce il livello di omocisteina e migliora il funzionamento dei vasi.
Classificazione

Trattamento con i micronutrienti

L’acido folico e le vitamine B2, B6 e B12 riducono il livello di omocisteina

Meccanismo d’azione delle vitamine del gruppo B

L’organismo necessita di diversi tipi di vitamina B per neutralizzare l’omocisteina. Un’eventuale carenza porta all’iperomocisteinemia. Questo fenomeno si manifesta soprattutto con l’avanzare dell’età.

Vitamina B12: la vitamina B12 (cobalamina) garantisce che l’omocisteina sia nuovamente trasformata in metionina.

Vitamina B6: grazie alla vitamina B6 (piridossina), l’organismo trasforma l’omocisteina in cisteina.

Acido folico: l’acido folico è necessario per garantire la produzione di nuovi enzimi che scindono l’omocisteina. Anche le vitamine B6 e B2 sono indispensabili per questo processo di rigenerazione.

L’efficacia delle vitamine del gruppo B sui livelli di omocisteina è stata testata in numerosi studi, che hanno confermato che questo gruppo vitaminico contribuisce ad abbassare i livelli troppo elevati.

Tuttavia, le conseguenze positive sulla salute sono ancora oggetto di discussione e non è altresì possibile stimare con esattezza se e in che misura le vitamine del gruppo B siano in grado di evitare infarti cardiaci, ictus e trombosi. Alcune evidenze dimostrano però che l’assunzione a lungo termine di acido folico è in grado di ridurre del 18 percento il rischio di ictus. Un effetto ancora più significativo è stato ottenuto, tra gli altri, in studi condotti per un periodo di 36 mesi, in cui si è registrato un calo dei livelli di omocisteina superiore al 20 percento.

Per concludere, le vitamine del gruppo B sono una terapia relativamente poco costosa che riduce probabilmente il rischio di insorgenza di malattie cardiovascolari dovute all’età.

Metabolismo dell’omocisteina

Diagramma del metabolismo dell’omocisteina
Gli enzimi che intervengono nel metabolismo dell’omocisteina hanno bisogno di vitamina B6 e B12 per eliminarla. Anche l’acido folico è importante, e perché il suo metabolismo funzioni, sono necessarie la vitamina B2 e B6. Immagine: Health One Media GmbH

Dosaggio e consigli sull’assunzione delle vitamine del gruppo B

Le vitamine del gruppo B dovrebbero essere combinate e utilizzate per un periodo di tempo prolungato, poiché i livelli di omocisteina aumentano nuovamente quando si interrompe l’assunzione.

Si consigliano le seguenti dosi:

  • Vitamina B2: da 1 a 5 milligrammi al giorno
  • Vitamina B6: da 5 a 15 milligrammi al giorno
  • Vitamina B12: fino a 500 microgrammi (sotto forma di metilcobalamina)
  • Acido folico: da 200 a 500 microgrammi al giorno (sotto forma di acido 5-metiltetraidrofolico, la forma attiva utilizzabile direttamente)

Consiglio

Affinché risulti più efficace, l’acido folico (o folato) deve prima essere attivato nell’organismo. Questa forma bioattiva è chiamata anche acido 5-metiltetraidrofolico (5-MTHF). Circa la metà della popolazione presenta un difetto genetico che ne rallenta l’attivazione. Nel dieci percento dei casi il processo rallenta addirittura di circa il 70 percento. Si consiglia quindi di non assumere l’acido folico (o il folato), bensì direttamente l’acido 5-metiltetraidrofolico.

Determinazione dei livelli di omocisteina in laboratorio

È importante sottoporsi a esami di controllo durante la terapia per monitorare i livelli di omocisteina. In particolare, è consigliabile per i pazienti a rischio che soffrono già di vasculopatie, diabete mellito, livelli troppo alti di lipidi nel sangue e sovrappeso (obesità) e per le persone anziane.

L’omocisteina viene misurata nel plasma, la componente liquida del sangue priva di cellule ematiche. I valori normali sono compresi tra 5 e 9 micromoli per litro.

Informazioni

Se i valori sono compresi tra 10 e 25 micromoli per litro, si parla di una forma lieve di iperomocisteinemia; valori da 25 a 50 micromoli per litro indicano una moderata iperomocisteinemia e concentrazioni tra 50 e 500 micromoli per litro indicano una forma grave, che solitamente si accompagna anche a omocistinuria, cioè a un difetto enzimatico genetico.

Da considerare in caso di gravidanza/allattamento, malattie e assunzione di farmaci

In caso di gravidanza e allattamento, si dovrebbero assumere le vitamine B2, B6 e B12 solo in caso di carenza conclamata e previo consenso del ginecologo curante.

I diabetici che presentano danni ai reni e i pazienti con problemi renali devono prestare particolare attenzione: I pazienti con disturbi renali non dovrebbero assumere la vitamina B12 sotto forma di cianocobalamina, bensì di metilcobalamina. La cianocobalamina, infatti, è probabilmente nociva a dosaggi elevati per i pazienti con problemi ai reni. Ad oggi non è stato chiaramente dimostrato che la riduzione dei livelli di omocisteina rechi beneficio ai pazienti con problemi renali. che, in ogni caso, devono prestare attenzione all’apporto di vitamine del gruppo B, poiché l’acido folico e le vitamine B2 e B6 si perdono durante la dialisi.

L’assunzione di vitamine del gruppo B dopo l’impianto di stent e dopo un infarto non è stata ancora studiata a sufficienza. Poiché è probabile che esse abbiano in tali casi un effetto negativo, occorre evitare alte dosi di vitamina B6 (da 40 a 50 milligrammi al giorno), vitamina B12 (da 60 a 400 microgrammi al giorno) e acido folico (da 800 a 1.200 microgrammi al giorno).

A dosi elevate (oltre 5 milligrammi al giorno), la vitamina B6 può ridurre l’effetto degli antiepilettici (come il fenobarbital [Luminal®] e la fenitoina [Aurantin®, Dintoina®]) e dei farmaci contro la malattia di Parkinson (come la levodopa [Duodopa®]). Pertanto, questi principi attivi non devono essere assunti insieme alla vitamina B6.

La betaina supporta l’efficacia delle vitamine del gruppo B

Meccanismo d’azione della betaina

La betaina è un derivato degli amminoacidi. Inizialmente veniva estratta dalla barbabietola rossa, da cui prende il nome. La betaina fornisce sostanze (gruppi metilici) necessarie all’organismo per neutralizzare l’omocisteina e trasformarla in metionina. L’organismo è in grado di sintetizzare autonomamente la betaina anche dalla colina presente nel fegato e contenuta, ad esempio, nella carne o nelle uova.

Dall’analisi di 5 studi clinici è risultato che i livelli di omocisteina scendevano in media di 1,23 micromoli per litro se si assumevano ogni giorno 4.000 milligrammi per almeno 6 settimane.

La betaina può essere utile soprattutto se i livelli di omocisteina non sono correlati alle vitamine del gruppo B. Uno studio condotto su 117 uomini ha dimostrato che la combinazione di acido folico e betaina assunta per 4 settimane è in grado di ridurre i valori dell’omocisteina, mentre non si sono osservati effetti significativi per le vitamine B6 e B12. In tale studio le vitamine del gruppo B e la betaina sono state assunte insieme al vino, che si ritiene possa anch’esso ridurre i livelli di omocisteina.

Dosaggio e consigli sull’assunzione della betaina

Per migliorare i livelli di omocisteina è necessario assumere ogni giorno da 500 a 4.000 milligrammi di betaina. Il calo dei valori dipende dalla dose: maggiore è la quantità assunta, maggiore sarà anche la riduzione.

I medici specializzati in micronutrienti consigliano di assumere betaina soprattutto in caso di fallimento della terapia, ad esempio se non si riesce a ridurre i livelli di omocisteina con l’assunzione di vitamine del gruppo B. La betaina andrebbe assunta insieme ai pasti nel corso della giornata. Raramente potrebbe causare disturbi di stomaco nelle persone più sensibili.

Si consiglia di assumere dosi più elevate di betaina (superiori a 400 milligrammi) solo previo consenso del medico.

Gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto antinfiammatorio

Meccanismo d’azione degli acidi grassi omega-3

Vari tipi di frutta secca, un avocado tagliato a metà, pesce e olio su una tavola
Gli acidi grassi omega-3 possono ridurre i livelli troppo elevati di omocisteina. Immagine: JulijaDmitrijeva /iStock/Getty Images Plus

Gli acidi grassi omega-3 come l’EPA (acido eicosapentaenoico) e il DHA (acido docosaesaenoico) hanno un effetto antinfiammatorio, proteggono i vasi, riducono i livelli di grasso nel sangue quando superano i valori normali e, grazie al loro effetto vasodilatatore, agiscono anche come antipertensivi. Inoltre, sono in grado di abbassare livelli troppo elevati di omocisteina, come confermato non solo dai test condotti sugli animali ma anche dai primi piccoli studi condotti sull’uomo. Questo effetto positivo è stato riscontrato in particolare nei seguenti gruppi:

  • diabetici con alterazioni del metabolismo dei lipidi (dislipidemia),
  • pazienti che hanno sofferto di un infarto cardiaco acuto
  • uomini con livelli di grassi nel sangue (colesterolo e trigliceridi) superiori alla norma.

I ricercatori ritengono che gli acidi grassi omega-3 potrebbero influenzare il metabolismo della metionina.

Dosaggio e consigli sull’assunzione degli acidi grassi omega-3

Sono stati condotti test di successo che prevedevano una somministrazione giornaliera di 1.500-2.000 milligrammi di acidi grassi omega-3. Questi nutrienti dovrebbero essere assunti insieme ai pasti, perché i grassi presenti negli alimenti ne favoriscono il passaggio al sangue dall’intestino.

Nella scelta dei preparati, occorre prestare attenzione all’alta qualità e purezza per garantire che le proprietà dei preziosi acidi grassi siano sfruttate appieno.

Determinazione dell’indice omega-3 in laboratorio

L’indice omega-3 è dato dalla percentuale dei due acidi grassi omega-3 EPA e DHA presenti nel sangue e, poiché questi ultimi si trovano nei globuli rossi, è sufficiente un normale esame del sangue.

Un controllo di questo tipo è particolarmente necessario in pazienti con arteriosclerosi e malattie cardiovascolari. In condizioni ottimali, l’indice omega-3 dovrebbe essere compreso tra l’otto e l’undici percento.

Acidi grassi omega-3: cosa considerare in caso di assunzione di anticoagulanti.

Nonostante siano generalmente ben tollerati, dosi elevate di acidi grassi omega-3 (superiori a 1.000 milligrammi al giorno) possono aumentare il rischio di emorragia. I pazienti che assumono contemporaneamente dosi elevate di farmaci anticoagulanti e gli omega-3 dovrebbero sottoporsi regolarmente a controlli del tempo di protrombina (INR). In alcuni casi, inoltre, potrebbe essere necessario regolare la dose degli anticoagulanti.

L’N-acetilcisteina migliora la funzionalità dei vasi

Meccanismo d’azione dell’N-acetilcisteina

L’N-acetilcisteina (NAC) è in grado di ridurre il livello di omocisteina nel sangue e migliorare la funzionalità dei vasi, come confermato dalla somministrazione combinata di NAC e acido folico sia in pazienti con coronaropatie sia in pazienti sani.

Negli studi condotti è risultato evidente che l’efficacia della NAC sui livelli di omocisteina dipende dalla dose somministrata, ossia maggiore è la dose, maggiore è la riduzione dei livelli di omocisteina nel sangue.

Inoltre, la NAC è il precursore naturale della cisteina, un aminoacido di cui l’organismo ha bisogno per sintetizzare il glutatione, un principio attivo dalle elevate proprietà antiossidanti. La NAC potenzia la sintesi del glutatione ed è anch’essa un forte antiossidante.

Dose e consigli sull’assunzione di N-acetilcisteina

È stato osservato come dosi pari a 1.800 milligrammi al giorno consentano una sensibile riduzione dei livelli di omocisteina nel sangue. Si consiglia quindi di assumerne 600 milligrammi tre volte al giorno insieme ai pasti.

Da considerare in caso di assunzione di antibiotici e antitussivi

La NAC può indebolire l’efficacia di alcuni antibiotici come le tetracicline, gli aminoglicosidici e le penicilline. Pertanto, i pazienti che assumono entrambi dovrebbero rispettare un intervallo di almeno due ore.

La NAC agisce da espettorante, quindi non dovrebbe essere assunta in concomitanza con gli antitussivi, poiché la riduzione del riflesso della tosse potrebbe portare ad un accumulo delle secrezioni.

Dosaggi in breve

Dosi giornaliere di micronutrienti consigliate in caso di livelli elevati di omocisteina

Vitamine

Vitamina B2

da 1 a 5 milligrammi (mg)

Vitamina B6

da 5 a 15 milligrammi (in caso di omocistinuria: da 200 a 1.200 milligrammi)

Acido folico

da 200 a 600 microgrammi (µg) sotto forma di acido 5-metiltetraidrofolico

Vitamina B12

da 10 a 500 microgrammi (sotto forma di metilcobalamina)

Altro

Betaina

da 500 a 4.000 milligrammi

Acidi grassi omega-3

da 1.500 a 2.000 milligrammi con una percentuale il più elevata possibile di EPA

N-acetilcisteina

1.800 milligrammi

Esami di laboratorio consigliati in breve

Esami di laboratorio consigliati in caso di livelli elevati di omocisteina

Valori ottimali

Indice omega-3 (siero)

dall’8 all’11 percento

Omocisteina

< 10 micromoli per litro (µmol/l)

Classificazione

Riepilogo

Nelle persone che soffrono di iperomocisteinemia il livello di questa sostanza nel sangue supera i valori normali. Ciò danneggia le pareti dei vasi e aumenta il rischio di trombosi, embolie, arteriosclerosi, infarto cardiaco, ictus e altre patologie. Determinati micronutrienti degradano l’omocisteina presente nell’organismo e possono così ridurre il rischio di insorgenza di numerose patologie.

Le vitamine del gruppo B, come le vitamina B2, B6 e B12 e l’acido folico, in particolare, combattono l’aumento dei livelli di omocisteina e sono consigliate come trattamento in caso di iperomocisteinemia. Anche la betaina è consigliata, poiché aiuta l’organismo ad eliminare l’omocisteina.

Gli acidi grassi omega-3 come il DHA e l’EPA sono in grado di ridurre leggermente i livelli di omocisteina e rafforzano in modo significativo l’efficacia delle vitamine del gruppo B. Inoltre, hanno un effetto antinfiammatorio, proteggono i vasi, riducono i livelli di grasso nel sangue quando superano i valori normali e, grazie al loro effetto vasodilatatore, agiscono anche come antipertensivi.

Anche l’N-acetilcisteina riduce il livello di omocisteina e migliora la funzione vascolare. Non da ultimo, questo aminoacido ha un effetto antiossidante e protegge l’organismo dai danni cellulari.

Classificazione

Indice degli studi e delle fonti

Ao, M. et al. (2017): High prevalence of vitamin B-12 insufficiency in patients with Crohn's disease. Asia Pac J Clin Nutr. 2017;26(6):1076-1081. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28917233, consultato il: 10.04.2018.

Biesalski, H. K. (2016): Vitamine und Minerale. Indikation, Diagnostik, Therapie. Georg Thieme Verlag Stuttgart New York.

Biesalski, H. K. et al. (2010): Ernährungsmedizin. 4. Aufl. Georg Thieme Verlag Stuttgart.

Borchard-Tuch, C. (2007): Homocystein. Vitamin-B-Prophylaxe in der Diskussion, in: Pharmazeutische Zeitung. Ausgabe 35/2007.  https://www.pharmazeutische-zeitung.de/index.php?id=3591, consultato il: 13.02.2018.

Cianciolo, G. et al. (2017): Folic Acid and Homocysteine in Chronic Kidney Disease and Cardiovascular Disease Progression: Which Comes First? Cardiorenal Med. 2017 Oct;7(4):255-266. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29118764, consultato il: 13.03.2018.

Clarke, R. et al. (2010): Effects of lowering homocysteine levels with B vitamins on cardiovascular disease, cancer, and cause-specific mortality: Meta-analysis of 8 randomized trials involving 37 485 individuals. Arch Intern Med. 2010 Oct 11;170(18):1622-31. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20937919, consultato il: 12.02.2018.

Dawson, S. L. et al. (2016): A combination of omega-3 fatty acids, folic acid and B-group vitamins is superior at lowering homocysteine than omega-3 alone: A meta-analysis. Nutr Res. 2016 Jun;36(6):499-508.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27188895, consultato il: 14.02.2018.

Dean, L. et al. (2016): Medical Genetics Summaries [Internet]. Bethesda (MD): National Center for Biotechnology Information (US); 2012-2012 Mar 8 [updated 2016 Oct 27]. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28520345, consultato il: 07.02.2018.

Deris, I. (2001): Hyperhomocysteinämie: Vitaminsubstitution wird empfohlen. Dtsch Arztebl 2001; 98(45): A-2981. https://www.aerzteblatt.de/archiv/29412/Hyperhomocysteinaemie-Vitaminsubstitution-wird-empfohlen, consultato il: 14.02.2018.

Dinckal, M. H. et al. (2003): Effect of homocysteine-lowering therapy on vascular endothelial function and exercise performance in coronary patients with hyperhomocysteinaemia. Acta Cardiol. 2003;58:389–396. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14609303, consultato il: 13.02.2018.

Earnest, C. P. (2012): Complementary effects of multivitamin and omega-3 fatty acid supplementation on indices of cardiovascular health in individuals with elevated homocysteine. Int J Vitam Nutr Res. 2012 Feb;82(1):41-52. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22811376, consultato il: 14.02.2018.

European Food Safety Authority (2017): Safety of betaine as a novel food pursuant to Regulation(EC) No 258/97. EFSA Journal 2017;15(11):5057. https://efsa.onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.2903/j.efsa.2017.5057, consultato il: 13.08.2018.

Gariballa, S. (2011): Testing homocysteine-induced neurotransmitter deficiency, and depression of mood hypothesis in clinical practice. Age Ageing. 2011 Nov;40(6):702-5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21771745, consultato il: 13.02.2018.

Gariballa, S. (2012): Effects of mixed dietary supplements on total plasma homocysteine concentrations (tHcy): a randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Int J Vitam Nutr Res. 2012 Aug;82(4):260-6. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23591663, consultato il: 13.02.2018.

Gröber, U. (2011): Mikronährstoffe. Metabolic Tuning – Prävention – Therapie. 3. Aufl. Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft mbH Stuttgart.

Gröber, U. (2018): Arzneimittel und Mikronährstoffe – Medikationsorientierte Supplementierung. 4. Aufl. Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft Stuttgart.

Hildebrandt, W. et al. (2015): Oral N-acetylcysteine reduces plasma homocysteine concentrations regardless of lipid or smoking status. The American Journal of Clinical Nutrition.2015 Nov;102(5):1014-1024. https://academic.oup.com/ajcn/article/102/5/1014/4564368, consultato il: 23.03.2018.

Homocysteine Lowering Trialists’ Collaboration (2005):  Dose-dependent effects of folic acid on blood concentrations of homocysteine: a meta-analysis of the randomized trials. Am J Clin Nutr. 2005 Oct;82(4):806-12.  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Homocysteine%20Lowering%20Trialists%27%20Collaboration%5BCorporate%20Author%5D, consultato il: 12.02.2018.

House, A.A. et al. (2010): Effect of B-vitamin therapy on progression of diabetic nephropathy: a randomized controlled trial. JAMA. 2010 Apr 28;303(16):1603-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20424250, consultato il: 12.03.2018.

Huang, P. et al. (2015): Homocysteine and the risk of age-related macular degeneration: a systematic review and meta-analysis. Sci Rep. 2015 Jul 21;5:10585. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26194346, consultato il: 13.02.2018.

Huang, T. et al. (2015):  Effect of vitamin B-12 and n-3 polyunsaturated fatty acids on plasma homocysteine, ferritin, C-reaction protein, and other cardiovascular risk factors: a randomized controlled trial.  Asia Pac J Clin Nutr. 2015;24(3):403-11. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26420180, consultato il: 14.02.2018.

Kasperczyk, S. et al. (2016): Effect of N-acetylcysteine administration on homocysteine level, oxidative damage to proteins, and levels of iron (Fe) and Fe-related proteins in lead-exposed workers. Toxicol Ind Health. 2016 Sep;32(9):1607-18. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25731901, consultato il: 13.03.2018.

Koyama, K. et al. (2010): Randomized controlled trial of the effect of short-term coadministration of methylcobalamin and folate on serum ADMA concentration in patients receiving long-term hemodialysis. Am J Kidney Dis. 2010 Jun;55(6):1069-78. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20430500, consultato il: 09.04.2018.

Kosmadakis, G. et al. (2013): Vitamins in dialysis: who, when and how much? Renal Failure. 2014 Feb;36(4): 638-650. https://www.tandfonline.com/doi/full/10.3109/0886022X.2014.882714?scroll=top&needAccess=true, consultato il: 23.03.2018.

Kumar, A. et al. (2017): The metabolism and significance of homocysteine in nutrition and health. Nutr Metab (Lond). 2017; 14: 78. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5741875/, consultato il: 07.02.2018

Lange, H. et al. (2004): Folate therapy and in-stent restenosis after coronary stenting. N Engl J Med. 2004 Jun 24;350(26):2673-81. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15215483, consultato il: 13.03.2018.

Leclerc, D. (2000-2013): Molecular Biology of Methylenetetrahydrofolate Reductase (MTHFR) and Overview of Mutations/Polymorphisms. In: Madame Curie Bioscience Database [Internet]. Austin (TX): Landes Bioscience; 2000-2013. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK6561, consultato il: 07.02.2018.

Lonn, E. et al. (2006): Homocysteine lowering with folic acid and B vitamins in vascular disease. N Engl J Med. 2006 Apr 13;354(15):1567-77. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16531613, consultato il: 13.02.2018.

McAuley, E. et al. (2016): Riboflavin status, MTHFR genotype and blood pressure: current evidence and implications for personalised nutrition. Proc Nutr Soc. 2016 Aug;75(3):405-14. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27170501, consultato il: 14.02.2018.

McRae, M.P. (2013): Betaine supplementation decreases plasma homocysteine in healthy adult participants: a meta-analysis. J Chiropr Med. 2013 Mar;12(1):20-5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23997720, consultato il: 13.08.2018.

No authors listed (2003): Betaine. Alternative Medicine Review 2003:8(2). http://archive.foundationalmedicinereview.com/publications/8/2/193.pdf, consultato il: 13.08.2018.

Orphanet Report Series, Rare Diseases Collection (2018): Nummer 2, Januar 2018.   http://www.orpha.net/orphacom/cahiers/docs/DE/Pravalenzen_seltener_Krankheiten_absteigender_Pravalenz_oder_Falle.pdf, consultato il: 13.02.2018.

Oussalah, A. et al. (2011): Meta-analysis: hyperhomocysteinaemia in inflammatory bowel diseases. Aliment Pharmacol Ther. 2011 Nov;34(10):1173-84. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21967576, consultato il: 12.02.2018.

Pietrzik, K. (2010): Folic acid and L-5-methyltetrahydrofolate: comparison of clinical pharmacokinetics and pharmacodynamics. Clin Pharmacokinet. 2010 Aug;49(8):535-48. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20608755, consultato il: 14.02.2018.

Prinz-Langenohl, R. et al. (2009): [6S]-5-methyltetrahydrofolate increases plasma folate more effectively than folic acid in women with the homozygous or wild-type 677C-->T polymorphism of methylenetetrahydrofolate reductase. Br J Pharmacol. 2009 Dec;158(8):2014-21. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19917061, consultato il: 14.02.2018.

Rajdl, D. et al. (2016): Effect of Folic Acid, Betaine, Vitamin B6, and Vitamin B12 on Homocysteine and Dimethylglycine Levels in Middle-Aged Men Drinking White Wine. Nutrients. 2016 Jan 12;8(1). https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26771632, consultato il: 13.08.2018.

Reulecke, B. und Denecke, J. (2009): Diagnostik und Therapie der Homocystinurie. Kinder- und Jugendmedizin. 2009 (Vol. 9): Heft 5, pp. 289-293. http://www.schattauer.de/en/magazine/subject-areas/journals-a-z/kinder-und-jugendmedizin/contents/archive/issue/957/issue/special/manuscript/11755/show.html, consultato il: 09.03.2018.

Saposnik, G. (2011): The Role of Vitamin B in Stroke Prevention: A Journey From Observational Studies to Clinical Trials and Critique of the Vitamins To Prevent Stroke. Stroke. 2011 Jan;42:838-842. http://stroke.ahajournals.org/content/42/3/838, consultato il: 23.03.2018.

Scaglione, F. und Panzavolta, G. (2014): Folate, folic acid and 5-methyltetrahydrofolate are not the same thing. Xenobiotica. 2014 May;44(5):480-8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24494987, consultato il: 14.02.2018.

Schwab, U. et al. (2006): Orally administered betaine has an acute and dose-dependent effect on serum betaine and plasma homocysteine concentrations in healthy humans. J Nutr. 2006 Jan;136(1):34-8. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16365055, consultato il: 13.08.2018

Spence, J.D. (2013): B vitamin therapy for homocysteine: renal function and vitamin B12 determine cardiovascular outcomes. Clin Chem Lab Med. 2013 Mar;51(3):633-7. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23449527, consultato il: 23.03.2018.

Spence, J.D. et al. (2017): B vitamins in stroke prevention: time to reconsider. The Lancet Neurology. 2017 Sep;16(9):750 - 760. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28816120, consultato il: 23.03.2018.

Strain, J.J. et al. (2004): B-vitamins, homocysteine metabolism and CVD. Proc Nutr Soc. 2004 Nov;63(4):597-603. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15831132, consultato il: 12.02.2018.

Sun, F. et al: (2017): Correlation of Maternal Serum Homocysteine in the First Trimester with the Development of Gestational Hypertension and Preeclampsia. Med Sci Monit. 2017; 23: 5396–5401. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5699171/, consultato il: 12.02.2018.

Troesch, B. et al. (2016): Potential Links between Impaired One-Carbon Metabolism Due to Polymorphisms, Inadequate B-Vitamin Status, and the Development of Alzheimer's Disease. Nutrients. 2016 Dec 10;8(12). pii: E803. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27973419, consultato il: 12.02.2018.

Vacek, T.P. et al. (2013): The role of homocysteine in bone remodeling. Clin Chem Lab Med. 2013;51:579–590. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23449525, consultato il: 13.02.2018.

Valente, F.X. et al. (2015): B vitamins related to homocysteine metabolism in adults celiac disease patients: a cross-sectional study. Nutr J. 2015 Oct 20;14:110. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26487487, consultato il: 12.02.2018.

Van Hattum, E.S. et al. (2007): Does folate therapy reduce the risk of coronary restenosis? Neth Heart J. 2007 Jan;15(1):12-5. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17612702, consultato il: 23.03.2018.

Wang, X. et al. (2007): Efficacy of folic acid supplementation in stroke prevention: a meta-analysis. Lancet. 2007 Jun 2;369(9576):1876-82. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17544768, consultato il: 13.02.2018.

Wolters, M. et al. (2005): Effect of multivitamin supplementation on the homocysteine and methylmalonic acid blood concentrations in women over the age of 60 years. Eur J Nutr. 2005 Mar;44(3):183-92. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15309436, consultato il: 14.02.2018.

Xiao, Y. et al. (2013): Dietary protein and plasma total homocysteine, cysteine concentrations in coronary angiographic subjects. Nutr J. 2013; 12: 144. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4176105/, consultato il: 07.02.2018.

Yilmaz, H. et al. (2007): Effects of folic acid and N-acetylcysteine on plasma homocysteine levels and endothelial function in patients with coronary artery disease. Acta Cardiol. 2007 Dec;62(6):579-85. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18214123, consultato il: 13.03.2018.

Yılmaz, N. & Eren, E. (2009): Homocysteine oxidative stress and relation to bone mineral density in post-menopausal osteoporosis. Aging Clin Exp Res. 2009;21:353–357. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19959926, consultato il: 13.02.2018.

Zheng, S. et al. (2017): Association of ulcerative colitis with transcobalamin II gene polymorphisms and serum homocysteine, vitamin B12, and folate levels in Chinese patients. Immunogenetics. 2017 Jul;69(7):421-428. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28526947, consultato il: 10.04.2018.

Zhou, Y. et al. (2014): Association between plasma homocysteine status and hypothyroidism: a meta-analysis. Int J Clin Exp Med. 2014;7:4544. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19959926, consultato il: 13.02.2018.

Classificazione

Mostra